tensostruttura

Campo scuola della protezione civile tra Vaie e Sant’Antonino di Susa

TORINO 25 MAG. – Si tiene tra Vaie e Sant’Antonino di Susa, fino al 28 maggio, la 9° edizione del Campo Scuola della Protezione Civile Vayes 2017. Il Campo Scuola è organizzato dal Centro Servizi per il Volontariato Vol.To con il sostegno delle Città di Vaie e Sant’Antonino di Susa, Regione Piemonte, Città Metropolitana di Torino, Questura, Prefettura, di Anpas Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, del Centro Interventi Emergenze della Croce Rossa Italiana e del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico.

Anpas – sempre presente sul campo durante le vere e proprie emergenze di protezione civile, come quella del recente terremoto in centro Italia – per Vayes 2017, ha messo a disposizione dell’organizzazione il modulo della cucina mobile che assicurerà i pasti per le cinque giornate di esercitazione, la tensostruttura per la mensa allestita con panche e tavoli per 250 posti, mezzi di protezione civile, ambulanze e tende pneumatiche.

La cucina mobile dell’Anpas ha una particolarità, è studiata per garantire, durante le emergenze di protezione civile, le alimentazioni corrette e specifiche per gli anziani e per i bambini, struttura che va in appoggio alle cucine centrali le quali forniscono invece i pasti a tutti gli ospiti del campo di accoglienza.  Marco Lumello, responsabile della Sala Operativa Regionale e Nazionale di Protezione Civile Anpas: «Per il secondo anno consecutivo Anpas, dopo aver partecipato alla fase organizzativa, interviene al campo scuola di protezione civile con la struttura relativa alla mensa, con la preparazione e la distribuzione dei pasti in collaborazione con il Cfiq Consorzio per la formazione, l’innovazione e la qualità di Pinerolo che oltre al periodo di formazione iniziale ha messo a disposizione degli insegnati cuochi. Oltre ai volontari della nostra Sala operativa regionale di Protezione civile sono attivamente impegnati nell’esercitazione anche numerosi volontari della Pubbliche Assistenze Anpas del territorio a supporto delle attività al campo e durante le simulazioni di soccorso sanitario». Da ben sette edizioni il Campo Scuola si svolge sotto l’egida della Protezione Civile Nazionale. All’evento partecipano oltre 200 Volontari delle Associazioni aderenti alla Commissione Volontariato e Protezione Civile del Centro Servizi Vol.To, tra cui Anpas, nonché quelle del territorio e circa 500 studenti dell’Istituto Comprensivo di Sant’Antonino.L’esercitazione consiste nell’allestimento tendopoli, di salvataggio in acque mosse, di spegnimento incendi boschivi, di evacuazione feriti, di intervento su scenari alluvionati, di ricerca e salvataggio persone scomparse in ambiente montano. L’edizione Vayes 2017 del Campo scuola fornisce quindi l’occasione per rinsaldare le pratiche e la solidità della macchina dei soccorsi e rinforzare la sinergia costruita in tanti anni in cui il volontariato specializzato è diventato una componente irrinunciabile durante questi eventi drammatici.

Si terranno inoltre diversi momenti di formazione attraverso diverse conferenze tra cui l’approfondimento sugli aspetti amministrativi relativi alla pianificazione di un’esercitazione e alla gestione di un’emergenza condotto da condotto da Marco Lumello, responsabile della Sala Operativa Regionale e Nazionale di Protezione Civile Anpas e Stefano Lergo della Commissione Protezione Civile Vol.To.

Le fotografie del 9° Campo scuola di Protezione civile Vayes 2017 sono disponibili in buona risoluzione al seguente link:

https://www.flickr.com/photos/anpas-piemonte/albums/72157684258415625

 

Redazione

truccambmbi-allopera

Grande successo per il Corso per “Simulatori” e per “Truccatori” della CRI a Mondovì (CN)

21 NOV. MONDOVI’ (CN) – Il Comitato CRI di Mondovì ha ospitato, nel trascorso fine settimana di sabato 19 e domenica 20 novembre, un corso per “Simulatori” e un corso per “Truccatori”, cui hanno partecipato 25 volontari,  sia del Comitato monregalese, sia provenienti da altri della provincia di Cuneo, come del torinese, “preparati” da cinque istruttori. I “Truccatori” ed i “Simulatori” della Croce Rossa Italiana sono Volontari adeguatamente istruiti a specifiche tecniche di trucco e recitazione, volte a rendere quanto più reale possibile la simulazione di un evento, che produca traumi fisici sulla persona. Scopo della rappresentazione realistica di un incidente è quello di abituare tutti i soccorritori alla visione di particolari situazioni, evitando che in tali frangenti possano perdere il coraggio e la freddezza per affrontarle. “Truccatori” e “Simulatori” collaborano insieme nella preparazione della simulazione e nell’allestimento della scenografia e partecipano attivamente all’organizzazione e al coordinamento delle simulazioni per quanto di competenza. simulatori
Molteplici sono gli impieghi in cui possono essere utilizzati, sia per la formazione e verifica del personale formato (trucchi e/o simulazioni durante i corsi di formazione e durante la prova d’esame; gare di primo soccorso; esercitazioni di maxi emergenze e di protezione civile e verifica dei sistemi di sicurezza nelle aziende pre, post e durante i corsi di formazione), sia per la promozione delle attività  della CRI (soccorso qualificato e in emergenza; manifestazioni nelle campagne di informazione come educazione stradale, catena del soccorso, gesti salva vita, norme igieniche e di primo soccorso, pregiudizio e diversità). Il Gruppo “Simulatori” e “Truccatori” della Croce Rossa Italiana ha circa una ventina d’anni di vita ed ha accumulato una grandissima esperienza e professionalità. truccatori
I  corsi monregalesi sono stati seguiti da Giuseppe (Geppo) Bessone, che è riuscito a portarli a Mondovì, dopo anni che non ne venivano organizzati.
Commenta la Presidente del Comitato CRI di Mondovì, Viviana Beltrandi: «È importante ricordare che la CRI non è solo soccorso con le ambulanze, ma organizza diversi momenti di incontro per migliorare la preparazione dei propri Volontari, in settori diversi. Fra questi, particolare importanza rivestono quelli tenuti a Mondovì per “Simulatori” e “Truccatori”».
Redazione
ugi

Casa Ugi compie 10 anni, iniziative stasera e domani a Torino

TORINO 4 MAR – L’Ugi  (Unione Genitori Italiani contro il tumore dei bambini Onlus), presente da oltre trent’anni con i suoi volontari nel Reparto di Oncoematologia Pediatrica dell’Ospedale Infantile Regina Margherita e impegnata ad assistere e sostenere le famiglie dei piccoli e giovani degenti, festeggia i ’10 anni di Casa Ugi’. L’appuntamento all’insegna della solidarietà verso i più piccoli è per domani presso la Sala Enrico Madon, proprio a Casa Ugi. Sarà l’occasione per raccontare l’attività di accoglienza e assistenza svolta in questi dieci anni e per inaugurare l’Impianto Fotovoltaico di Casa Ugi, interamente donato dalla Fondazione La Stampa – Specchio dei Tempi Onlus. Quest’ultimo permetterà all’Ugi di abbattere notevolmente i costi di gestione della Casa, riducendo al minimo l’impatto ambientale e rendendo l’edificio ecosostenibile. L’associazione Ugi  in questi anni ha instaurato importanti collaborazioni e attivato progetti volti al miglioramento delle condizioni dei bambini e ragazzi assistiti. L’evento sarà preceduto dal tradizionale Concerto per la Ricerca, questa sera al Conservatorio di Torino.

Redazione