vento

Da Torino a Venezia in bici: con ”VenTo” un sogno aperto a tutti

TORINO 31 MAG – Dal 2 all’11 giugno si svolgerà la quinta edizione di VENTO Bici Tour, da Venezia a Torino in viaggio lungo la ciclovia VENTO. Il Politecnico di Milano organizza tanti eventi e porta tante biciclette sugli argini del fiume Po. Per la prima volta VENTO Bici Tour si apre a tutti. Due lunghi weekend sui pedali sul tracciato della futura ciclovia VENTO, la più lunga dorsale cicloturistica d’Italia, in progetto e già inserita nel Sistema nazionale delle ciclovie turistiche. Un’occasione unica per scoprire la ricchezza di un territorio per molti sconosciuto ma straordinariamente bello. Un’occasione imperdibile per passare dentro alla bellezza di queste terre, fatta di colori, sapori, odori, architetture, storie e tradizioni che aspettano di essere riscoperte.

La quinta edizione di VENTO Bici Tour propone due pedalate collettive: dal 2 al 4 giugno da Venezia a San Benedetto Po; dal 9 all’11 giugno da Pavia a Torino. Il 9, 10 e 11 giugno il Piemonte sarà coinvolto e attraversato dal tour con tre tappe a Valenza, Trino Vercellese e Torino, dove si concluderà l’itinerario. Dal 2016 VENTO è nel Sistema nazionale delle ciclovie turistiche voluto dal Ministero delle Infrastrutture (MIT) e dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MIBACT). In questo momento il Politecnico di Milano assieme a Regione Piemonte, Regione Lombardia, Regione Emilia-Romagna, Regione Veneto e Infrastrutture lombarde (ILSPA) sta lavorando alla progettazione di VENTO. Mercoledì 7 giugno a Cremona il VENTO day: un momento di confronto tra Governo, Fondazioni bancarie, Regioni e Università sullo stato di avanzamento del progetto e sugli sviluppi del Sistema nazionale delle ciclovie turistiche.

Tanti gli eventi culturali ed enogastronomici che saranno organizzati anche grazie alla preziosa collaborazione di Slowfood.

Sul sito di VENTO (www.progetto.vento.polimi.it) tutti gli aggiornamenti e le informazioni inerenti il Tour, la possibilità di iscriversi alle giornate di pedalata collettiva e il programma degli eventi.

Redazione