cinofili

Controlli di Polizia a San Salvario: 5 stranieri espulsi e rinvenuta droga

TORINO 12 LUG. – I controlli effettuati nei giorni scorsi in uno stabile di piazza Madama Cristina da parte delle Forze dell’Ordine ha portato all’espulsione di 5 stranieri non in regola con l’Ufficio immigrazione. L’operazione è stata condotta dal personale del Commissariato Barriera Nizza, insieme ad agenti dell’Ufficio Immigrazione, della Polizia Scientifica e del Reparto Prevenzione Crimine, in collaborazione con personale della Polizia Municipale hanno controllato.  Nel corso del controllo, 11 persone in totale sono state accompagnate presso gli uffici di Polizia e, a seguito di accertamenti, per altre cinque persone è scattata la denuncia per falsa attestazione dell’identità personale. Nel corso del controllo, le unità cinofile hanno rinvenuto sostanza stupefacente all’interno di alcuni mobili collocati sul balcone attiguo agli alloggi controllati.

Redazione

prigione

‘Rom’ evade e abbandona la figlia: causò omicidio stradale con un camper

TORINO 19 GIU – Qualche settimana fa, alla guida di un camper senza patente, provocò un incidente mortale. Oggi, la nomade  Laura Sulejmanovic di 22 anni, in carcere per omicidio stradale e omissione di soccorso , è evasa dalla sezione Icam – le case per mamme detenute con attenuata sorveglianza – del carcere di Torino. La donna ha abbandonato nella struttura la figlia di pochi mesi. A renderlo noto l’Osapp, organizzazione sindacale autonoma di polizia penitenziaria.
“Se non la trovano prima, andiamo a prenderla noi stanotte”, hanno dichiarato i parenti di Oreste Giagnotto, l’uomo morto nell’incidente stradale provocato dalla zingara, che hanno saputo dell’evasione mentre partecipavano ad una manifestazione contro i campi nomadi.

Redazione

sala

Blatte nelle cucine delle Molinette? Scattano i controlli

TORINO 14 GIU –  In seguito ad un esposto che ha segnalato la presenza di nidi di blatte sono scattati i controlli del Servizio Igiene e Alimenti dell’Asl di Torino nelle cucine delle Molinette, il più grande ospedale del Piemonte. “Sono in corso le verifiche interne – si limita a commenta la AllFoods, la ditta che gestisce il servizio mensa dell’ospedale – e l’adozione delle opportune misure correttive”. Il servizio di distribuzione dei pasti a degenti e a dipendenti, aggiunge la ditta, non verrà interrotto.

Redazione

cc 1

Forzano posto di blocco su auto rubata, il giudice dà i domiciliari

TORINO 13 GIU – Dopo quattro lunghi chilometri di inseguimento, i Carabinieri di Rivara hanno arrestato Giovanni Petralia, 35 anni di Torino, e Maddalena Rolle, 28 anni di Rivara. I bordo di una Fiat Punto rubata a Torino, i due hanno forzato un posto di blocco in corso Mazzini a Rivara, rischiando di investire i militarti di pattuglia, per poi fuggire verso Barbania.
Dovranno rispondere, a vario titolo, di ricettazione, resistenza, guida senza patente e in stato di ebbrezza. Gli uomini dell’Arma hanno notificato all’uomo, che si trovava alla guida dell’auto rubata, anche 18 contravvenzioni al codice della strada per un totale di svariate centinaia di euro. Il tribunale di Ivrea ha concesso ad entrambi gli arresti domiciliari.

Redazione

tgv

Tgv investe uomo ad Alpignano, tratta Torino- Modane sospesa

TORINO 29 MAG – Il Tgv investe un uomo, probabilmente un suicida, all’altezza di Alpignano e la circolazione ferroviaria sulla linea Torino-Modane tra Collegno ed Avigliana  viene sospesa. Il fatto è accaduto poco dopo le 16 e il treno coinvolto, il Tgv 9248 ha terminato la propria corsa nella stazione di Alpignano.
I treni da e per Susa e Bardonecchia – informa Trenitalia – fanno capolinea rispettivamente a Bussoleno e Avigliana. Tra Avigliana e Collegno è stato invece attivato un servizio sostitutivo con bus. Da Collegno è possibile utilizzare la metropolitana e i mezzi urbani. La vittima non è ancora stata identificata dalla Polfer, che sta operando sul luogo.

Redazione

iren

Blackout in molte zone di Torino, l’Iren sta intervenendo

TORINO 26 MAG – A causa di un problema tecnico, il personale dell’Iren è al lavoro da questa notte, per cercare di risolvere i blackout elettrici in diverse parti di Torino. Il problema – informa Iren – riguarda una trentina di cabine secondarie sulle 3.600 presenti sul territorio cittadino. I tecnici le stanno ripristinando con l’ausilio di gruppi elettrogeni esterni. Sono in corso anche le verifiche del caso per stabilire le cause esatte del problema. La situazione dovrebbe tornare alla normalità entro la mattina.

Redazione

croce verde rivoli

Croce verde festeggia il 110° di fondazione con 7 nuove ambulanze

TORINO 25 MAG.  – La Croce Verde Torino celebra il suo 110° anniversario di fondazione e, nell’ambito degli eventi programmati per festeggiare l’importante traguardo raggiunto, invita i propri associati e la cittadinanza alla manifestazione che si terrà a Torino domenica 28 maggio, nella splendida cornice di Piazza Palazzo di Città.

Dalle ore 11,00 in poi saranno esposte 7 nuove autoambulanze e 3 automezzi di supporto all’attività della Croce Verde Torino e si terrà la cerimonia che culminerà alle ore 12,00 con la tradizionale benedizione degli automezzi acquistati con il significativo contributo delle Dame Patronesse in memoria della Presidente Mari Viotti, nonché di Fondazione Crt, della famiglia di Renata Bergamasco, eredità di Caterina Ghibaudo e la destinazione del 5 per mille da parte dei contribuenti.Alla cerimonia sono state invitate le principali autorità cittadine nonché tutte le Consorelle Associazioni di Volontariato operanti in Piemonte.

La Croce Verde Torino aderente all’Anpas, Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, grazie ai suoi 1.356 volontari e 76 dipendenti effettua oltre 78 mila servizi annui. Si tratta di trasporti in emergenza urgenza 118, prestazioni convenzionate con le Aziende sanitarie locali, assistenza sanitaria a eventi e manifestazioni sportive con una percorrenza di circa 1.280.000 chilometri. La Croce Verde Torino conta cinque sedi operative distaccate nei comuni di Alpignano, Borgaro-Caselle, Ciriè, San Mauro Torinese e Venaria Reale, dispone di 53 ambulanze, 3 mezzi attrezzati al trasporto disabili e 28 autoveicoli per servizi socio sanitari e di protezione civile. Dal 1907 insieme ai cittadini nello spirito di “Volontari da 110 … e Lode”.

Redazione

ovuli

Pusher della movida va a rinnovare il passaporto, ma lo arrestano

TORINO 23 MAG – Forse certo di farla franca, è andato a rinnovare il passaporto in questura ad Asti, ma è stato arrestato perché ricercato per spaccio di droga nella zona della movida di San Salvario a Torino. In manette è così  un senegalese di 50 anni, destinatario dell’ordine di cattura emesso dalla procura della Repubblica di Torino. L’immigrato è stato portato al carcere di Quarto d’Asti, dove dovrà scontare una pena detentiva di un anno e un mese.

Redazione

polizia

Furto da 7 milioni a ricca ereditiera torinese, restituita parte della refurtiva

TORINO 22 MAG – Nel settembre 2015 le furono sottratte dalla propria abitazione di via Giolitti, insieme ad altri preziosi, una statuetta e una collana per un valore di 7 milioni di euro: oggi, la ricca ereditiera di Torino, ha potuto riavere i preziosi oggetti presso il Tribunale. La donna ha riconosciuto il suo girocollo, una collier in argento, oro e pietre, e la testa di una statuetta indiana, arredo in libreria. “Quest’ultima – ha spiegato la vittima – non l’avevo denunciata, perché, sul momento, mi ero soffermata sui gioielli che mancavano”. La collana e la statuetta sono state ritrovate in Lombardia, lungo il muro del cimitero dell’abbazia di Chiaravalle, grazie alle indicazioni di uno dei quattro imputati, un albanese 42enne che aveva segnalato alla Polizia il punto in cui scavare. Il resto del bottino, che sarebbe stato speso forse per ripianare dei debiti, non è stato ritrovato. “Sono dispiaciuto che il rubino non sia stato trovato – ha sostenuto oggi in Tribunale Zef Zefi, uno dei ladri della banda – e sono certo di non averlo venduto, perché era una ‘fregatura”: mi hanno offerto 80 euro a carato e quindi ho lasciato perdere”. La vittima della rapina, una ricca ereditiera, ha spiegato di aver comperato l’anello, un rubino rosso da 14 carati, con montatura interna in oro ed esterna in acciaio, in una gioielleria torinese.
Redazione
cc auto

Minaccia il suicidio e di sparare: da due giorni l’incubo di via Borgaro a Torino

TORINO 19 MAG – Secondo giorno di paura in via Borgaro, alla periferia nord di Torino, dove un commerciante calabrese, Ferdinando U.,  è barricato in casa mincaccia il suicidio e di sparara. Dopo qualche ora di apparente calma il 52enne ha ripreso a lanciare oggetti, arredamenti e elettrodomestici dal balcone del suo alloggio al quinto piano.
La sua protesta è andata in diretta Facebook, ottenendo subito migliaia di visualizzazioni: nel video si scorge un oggetto appoggiato sul letto che sembrerebbe una pistola. L’uomo minaccia di sparare, a se stesso e agli altri. I Carabinieri hanno continuato la trattativa per farlo ragionare, mentre i Vigili del fuoco hanno posizionato il materasso gonfiabile in caso l’uomo, che si è più volte arrampicato sul balcone, dovesse precipitare. La strada resta bloccata e l’area delimitata.
L’uomo grida frasi sconnesse contro la mafia e ipotetici persecutori. Inutili i tentativi di parlare con lui da parte di alcuni familiari.  Sembra ci sia stato anche un tentativo dei sanitari di 118 di intervenire con un Tso. L’assedio continua.

Redazione