cinofili

Controlli di Polizia a San Salvario: 5 stranieri espulsi e rinvenuta droga

TORINO 12 LUG. – I controlli effettuati nei giorni scorsi in uno stabile di piazza Madama Cristina da parte delle Forze dell’Ordine ha portato all’espulsione di 5 stranieri non in regola con l’Ufficio immigrazione. L’operazione è stata condotta dal personale del Commissariato Barriera Nizza, insieme ad agenti dell’Ufficio Immigrazione, della Polizia Scientifica e del Reparto Prevenzione Crimine, in collaborazione con personale della Polizia Municipale hanno controllato.  Nel corso del controllo, 11 persone in totale sono state accompagnate presso gli uffici di Polizia e, a seguito di accertamenti, per altre cinque persone è scattata la denuncia per falsa attestazione dell’identità personale. Nel corso del controllo, le unità cinofile hanno rinvenuto sostanza stupefacente all’interno di alcuni mobili collocati sul balcone attiguo agli alloggi controllati.

Redazione

poveri

Caritas: ‘Record di poveri tra i giovani, uno su dieci in povertà assoluta’

TORINO 17 OTT –  Sono dati choc quelli comunicati oggi dalla Caritas sull’aumento della povertà in Italia. Il vecchio modello che vedeva gli anziani tra i più indigenti è stato completamente rovesciato a causa della crisi e della disoccupazione: oggi la povertà assoluta risulta inversamente proporzionale all’età. Nel suo Rapporto 2016 su povertà ed esclusione sociale, la Caritas segnala un’altra novità choc : ai Centri di Ascolto delle regioni del Sud Italia ora si rivolgono più italiani che stranieri. Partendo dagli ultimi dati Istat, che segnalano l’esistenza in Italia di 1 milione e 582 mila famiglie povere per un totale di quasi 4,6 milioni di individui – il numero più alto dal 2005 – il dossier mette in luce l’elemento inedito dell’avanzata dei giovani poveri: 10,2% l’incidenza della povertà assoluta tra i 18-34enni, che cala all’8,1% per la fascia 35-44 e così via diminuendo fino al 4% dei over 65.
L’altro dato preoccupante del Rapporto riguarda l’inversione di tendenza tra italiani e stranieri che si rivolgono ai 1.649 Centri di Ascolto Caritas delle regioni meridionali. Se infatti a livello nazionale il peso degli stranieri che chiedono aiuto continua a essere maggioritario (57,2%), nel Mezzogiorno gli italiani hanno fatto il ‘sorpasso’ e sono al 66,6%. Rispetto al genere, per la prima volta risulta esserci una sostanziale parità di presenze tra uomini (49,9%) e donne (50,1%), a fronte di una lunga e consolidata prevalenza del genere femminile.

Redazione

poveri

L’Istat: ”Povertà record per le famiglie nel 2015”

TORINO 14 LUG – Continua a crescere la povertà in Italia, soprattutto nelle famiglie: nel 2015 l’Istat stima che le famiglie in condizione di povertà assoluta siano pari a 1 mln e 582 mila e le persone a 4 mln e 598 mila (il numero più alto mai registrato dal 2005). L’incidenza della povertà assoluta non ha subito grande fluttuazioni negli ultimi tre anni per le famiglie; cresce invece se misurata in termini di persone (7,6% della popolazione residente nel 2015, 6,8% nel 2014 e 7,3% nel 2013). E questo perché riguarda le famiglie più numerose. La povertà è in aumento al Nord tra gli anziani e gli stranieri, e colpisce soprattutto chi vive in città.

Redazione

Mole

Torino regina in Europa per l’integrazione degli stranieri: prima città italiana dell’Intercultural Cities

TORINO 10 MAG – Torino regina dell’integrazione degli stranieri in Europa. Lo sostiene l’Intercultural Cities, ricerca del Consiglio d’Europa che confronta le politiche interculturali messe in campo dal 2011 da 34 città al di sopra dei 200 mila abitanti. Il capoluogo piemontese, che conta oltre 170 mila nuovi cittadini di diverse nazionalità risulta la quinta città europea della classifica – dopo Oslo, Zurigo, Copenhagen e Amburgo – per le politiche di integrazione.  “In questi anni abbiamo investito – sottolinea l’assessore comunale alle Politiche di Integrazione, Ilda Curti – intelligenza e lungimiranza politica, risorse sociali ed economiche, attenzione ai processi di cambiamento della nostra città, consapevoli che soltanto una comunità coesa, inclusiva e rispettosa delle diversità culturali è capace di affrontare le sfide del futuro. Questo riconoscimento ci lusinga e conferma che integrare ed includere è il modo giusto per governare fenomeni complessi e ineludibili”.

Redazione


Spazio elettorale a pagamento elezioni Comunali di Torino 2016ricca

cc auto

Moncalieri, arrestati due scippatori stranieri minorenni

TORINO 9 APR – Due stranieri minori sono stati arrestati dai Carabinieri a Moncalieri, nel Torinese, subito dopo avere strappato un telefono cellulare dalle mani di una donna. I due, marocchino di 16 anni e un moldavo di 17 anni, avevano cercato di rubare alla donna anche la borsetta, ma sono stati bloccati dai passanti. Si sospetta possano essere gli autori di colpi analoghi.

Redazione

cc auto

Moncalieri, arrestati due scippatori stranieri minorenni

TORINO 9 APR – Due stranieri minori sono stati arrestati dai Carabinieri a Moncalieri, nel Torinese, subito dopo avere strappato un telefono cellulare dalle mani di una donna. I due, marocchino di 16 anni e un moldavo di 17 anni, avevano cercato di rubare alla donna anche la borsetta, ma sono stati bloccati dai passanti. Si sospetta possano essere gli autori di colpi analoghi.

Redazione

supermark

Nel commercio solo gli stranieri non sentono la crisi, studio di Confesercenti

TORINO 2 MAR – Gli unici a non sentire la crisi nel settore del commercio sono gli  imprenditori di origine straniera. A confermarlo uno studio di Confesercenti sulle imprese commerciali guidate da stranieri in Piemonte fra il 2011 e il 2014. Il saldo in tutti i settori commerciali, ad eccezione dell’abbigliamento,  è positivo con una media del 17,5% per le imprese con titolari stranieri, mentre per la totalità delle imprese è negativo (-11,4%). Le imprese straniere non operano soltanto nei settori marginali, ma guidano ormai imprese ad alta intensità di capitale. Tra gli ambulanti gli stranieri sono preponderanti  (un terzo è straniero),   nel commercio fisso sono il 4,8% e nella somministrazione (bar, ristorante, trattoria, pizzeria, paninoteche) il 10,8%.

Redazione