neve

Dopo la lunga siccità, in arrivo pioggia e neve sul Piemonte

TORINO 3 nov.  La lunga siccità che ha flagellato il Piemonte negli ultimi mesi ha le ore contate: a partire da sabato un’intensa perturbazione atlantica riuscirà ad abbattere il possente anticiclone che da mesi interessa la nostra regione. Nella giornata di domenica la pioggia inizierà a cadere copiosa e la neve farà la sua comparsa sulle Alpi inizialmente a quote basse, intorno ai 900-1000 metri, per poi risalire verso i 1500 metri nei giorni successi. Il maltempo durerà almeno fino a mercoledì e occorrerà monitorare torrenti e corsi d’acqua a rischio, visto che i terreni asciutti da mesi non riusciranno inizialmente ad assorbire le precipitazioni.

 

Redazione

neve

Neve da venerdì sera sul Piemonte, ma nessuna emergenza

TORINO 25 GEN – La lunga siccità che da fine novembre ha colpito il Piemonte sembra essere giunta alla fine: a partire da venerdì notte sono previste infatti nevicate su tutto il Piemonte, anche in pianura. Le precipitazioni continueranno nella mattinata di sabato, ma la quota neve tenderà a salire. Già nella serata di sabato la perturbazione lascerà la nostra regione. Saranno nevicate normali, in linea col periodo invernale. Dunque nessuna emergenza, a dispetto di alcuni siti che già seminano allarme: soprattutto in questi tempi difficili di tragedie vere, la parola emergenza dovrebbe essere usata con più rispetto e non spesa per qualche click in più.

Redazione

snow

Weekend da brividi in Piemonte: maltempo e tanta neve anche a bassa quota

TORINO 25 FEB – Colpo di coda improvviso dell’inverno nel prossimo weekend. Il Piemonte sarà infatti investito da una forte perturbazione proveniente dal Nordatlantico, con piogge intense e nevicate, anche a quote collinari. Da sabato pomeriggio/sera il peggioramento più marcato su  Liguria, Piemonte ed Emilia occidentale con piogge intense e locali nubifragi lampo. Attenzione alla neve, che sarà molto abbondante sulle Alpi occidentali sopra i 400/700 metri. Il maltempo insisterà sulla regione per tutta la giornata di domenica, con un leggero rialzo della quota neve che si assesterà sull’arco alpino piemontese sopra i 700/800 metri.  Questa perturbazione dovrebbe in parte riequilibrare il deficit di accumuli nevosi che hanno caratterizzato la stagione invernale.

Redazione

sardinia

(foto Giacomo Moscarola)

Emergenza incendi senza fine in Piemonte : 220 interventi da inizio anno

TORINO 5 FEB – Complice la lunga siccità, questo inizio 2016 in Piemonte rischia di diventare il peggiore di tutti i tempi per quanto riguarda gli incendi.  Gli interventi effettuati contro gli incendi boschivi sono stati già circa 220, con il coinvolgimento di oltre 1.100 Volontari del Corpo AIB Piemonte e circa 320 automezzi. Nella sola giornata di ieri, 4 febbraio, le squadre antincendio sono state impegnate su numerosi fronti nelle province di Cuneo (Bagnolo, Sampeyre), Torino (Lessolo), VCO (val Vigezzo) Vercelli (Varallo Sesia). Oltre 30 interventi, con l’impegno di oltre 320 volontari e l’utilizzo di 100 automezzi. La Regione Piemonte sottolinea che permane sulla regione lo stato di “massima pericolosità” e ricorda che l’incendio boschivo è un reato punito dal Codice penale e chi lo provoca, anche per colpa, si rischia da uno a cinque anni di carcere. Da domani, con l’arrivo delle piogge, la situazione dovrebbe migliorare.

Redazione

agricoltura

Coldiretti: ”La siccità mette a rischio il ‘Made in Piemonte’.”

TORINO 1 FEB – La perdurante siccità sta mettendo a rischio alcune colture in Piemonte. Lo denuncia Coldiretti Piemonte, per bocca del suo presidente Delia Revelli. “Gli ortaggi invernali – dice la leader regionale dei coltivatori diretti  – sono già in sofferenza e nei prossimi mesi servirà disponibilità idrica per il mais e la soia”. Si teme ora per un ritorno improvviso del freddo, dopo il caldo anomalo di questo inverno che ha portato molte piante già a gemmare e quindi ad essere più vulnerabili alle basse temperature. “Gli effetti dei cambiamenti climatici – aggiunge il direttore di Coldiretti Piemonte Antonio De Concilio – impongono di badare, più che mai, al risparmio energetico e di mettere in campo interventi strutturali come previsto dal Psr (Piano di Sviluppo Rurale) del Piemonte e del Piano Irriguo Nazionale, richiesto dall’Anbi (Associazione nazionale consorzi gestione tutela territorio ed acque irrigue.”

Redazione

agricoltura

Siccità, l’allarme di Confagricoltura Asti: ‘A rischio colture in primavera’

ASTI 22 DIC – Confagricoltura Asti ha lanciato oggi l’allarme sulla perdurante siccità, che potrebbe protrarsi anche nei primi giorni del 2016. “Scarse precipitazioni e alte temperature – dice l’associazione degli agricolturi – stanno mettendo a rischio la crescita delle colture nelle campagne dell’Astigiano”.  “L’assenza di precipitazioni – si legge in una nota – rischia di condizionare drasticamente il livello di scorte idriche solitamente assicurato da piogge e nevi, fattori indispensabile per la crescita delle coltivazioni e il risveglio ottimale, in primavera, delle viti”. Confagricoltura definisce ”emblematico”  il livello del fiume Tanaro ad Asti.

Redazione