neve

Dopo la lunga siccità, in arrivo pioggia e neve sul Piemonte

TORINO 3 nov.  La lunga siccità che ha flagellato il Piemonte negli ultimi mesi ha le ore contate: a partire da sabato un’intensa perturbazione atlantica riuscirà ad abbattere il possente anticiclone che da mesi interessa la nostra regione. Nella giornata di domenica la pioggia inizierà a cadere copiosa e la neve farà la sua comparsa sulle Alpi inizialmente a quote basse, intorno ai 900-1000 metri, per poi risalire verso i 1500 metri nei giorni successi. Il maltempo durerà almeno fino a mercoledì e occorrerà monitorare torrenti e corsi d’acqua a rischio, visto che i terreni asciutti da mesi non riusciranno inizialmente ad assorbire le precipitazioni.

 

Redazione

grandine

Piemonte nella morsa del caldo: picco di calore venerdì, temporali solo da lunedì

TORINO 20 GIU –  Anche se solo domani sarà ufficialmente estate, in Piemonte da alcuni giorni si registrano temperature proprie di fine luglio. Colpa dell’alta pressione di origine africana, che ha fatto risalire le temperature anche sulla nostra regione a valori record per il periodo : oggi massime oltre i 36 gradi a Villanova Solaro, nella pianura cuneese, 35 a Sezzadio, nell’Alessandrino, 34.2 nel centro di Torino. L’apice della nuova ondata di caldo è atteso per le giornate di venerdì e sabato, con massime tra i 33 e i 37 gradi in tutte le zone di pianura e bassa collina. Lo zero termico non scenderà mai sotto quota 4.300 metri. Assai scarsa la possibilità di temporali nei prossimi giorni, che saranno comunque sporadici, di breve durata e limitati alle vallate alpine. Da lunedì l’instabilità temporalesca invece aumenterà in modo consistente, dando un po’ di refrigerio a questo anticipo d’estate.

Redazione

snow

Maltempo, è allarme piogga congelante sul basso Piemonte

TORINO 11 GEN – Ancora una spruzzata di neve di pochi centimetri è attesa domani sul Piemonte, ma il vero problema riguarderà la micidiale pioggia congelante prevista sul basso Piemonte. Il fenomeno, consueto nei Paesi dell’Est, avviene normalmente dopo numerosi giorni sottozero e l’arrivo improvviso di piogge che, a contatto col suolo, gelano all’istante. Questo fenomeno riguarderà  nelle prossime ore in particolare le valli alessandrine dello Scrivia e cuneese-alessandrina del Tanaro. Sul resto del Piemonte sono invece previsti nevischio e neve, con depositi modesti, un paio di centimetri. Venerdì 13 sarà invece caratterizzato da nevicate e tormente sui settori alpini in quota tra Torinese e Valle d’Aosta e sull’alta Ossola: le raffiche di vento a 100-120 chilometri orari  si spingeranno anche fino in pianura.

Redazione

volvera

Maltempo , finita l’allerta rossa sul Piemonte: tempo in miglioramento

TORINO 25 NOV. –  E’ finita in Piemonte la fase di allerta rossa maltempo. Alla luce dell’evoluzione della situazione meteorologica, il Centro funzionale di Arpa Piemonte ha disposto l’allerta ARANCIONE per tutto il territorio tranne le valli Toce, Varaita, Maira e Demonte, dove l’allerta è gialla, e la valle Scrivia, dove non c’è allerta. La circolazione depressionaria che ha causato le intense precipitazioni degli ultimi giorni si sta allontanando, ma rimane attivo un minimo secondario che nel pomeriggio odierno determinerà un afflusso di aria più instabile. Sono quindi attese precipitazioni diffuse sul Piemonte settentrionale di intensità debole o moderata (intorno ai 30 mm in 12 ore).  L’esaurimento dei fenomeni avverrà nella notte ad eccezione del Verbano, dove le precipitazioni cesseranno nella mattina di domani.

Nelle prossime ore sono attese la piena del Tanaro a Montecastello e della Bormida ad Alessandria, che transiteranno con valori al di sopra della soglia di pericolo. Lungo l’asta del Po la piena transiterà da Torino fino alla confluenza con il Tanaro. Il colmo di piena è atteso ad Isola Sant’Antonio dalla serata odierna. Numerose le frane che si sono verificate nelle zone montane e collinari, soprattutto nel Pinerolese, provocando danni alla viabilità.Il sistema della Protezione civile regionale continua la sua attività di gestione delle emergenze, con l’apporto di 1.100 volontari e l’utilizzo di numerosi mezzi e materiali.

Si invitano i cittadini a mantenere comportamenti responsabili, in particolare limitando gli spostamenti ed evitando attività e stazionamenti in prossimità dei corsi d’acqua.

http://www.regione.piemonte.it/protezionecivile/ e https://www.arpa.piemonte.it

e a consultare le buone pratiche di comportamento in caso di allerta all’indirizzo

http://www2.regione.piemonte.it/protezionecivile/index.php/allertamento/cosa-fare-in-caso-di-allerta Per gli spostamenti https://map.muoversinpiemonte.it/#traffic

Gli aggiornamenti in tempo reale della situazione sono consultabili su https://twitter.com/PiemonteInforma

Redazione

 

snow

La Regione conferma l’allerta meteo per pioggia, neve e valanghe

TORINO 27 FEB – La profonda depressione ha fatto il suo ingresso sul Mediterraneo apportando le prime precipitazioni sul Piemonte. Le precipitazioni registrate nelle ultime 12 ore sono deboli e diffuse con valori localmente moderati sulle zone pedemontane settentrionali e nord-occidentali, con quota delle nevicate tra i 600 e 800 m sui settori nord e 400-600 m sui settori meridionali. Gli apporti di neve fresca accumulata nelle ultime 24 ore sono intorno ai 30-35 cm sul settore settentrionale e 20-30 su quello occidentale e meridionale.  Il Centro funzionale comunica che permane l’allerta arancione per neve sul settore occidentale e sul Cuneese a causa degli ingenti quantitativi attesi dal pomeriggio, con quota delle nevicate intorno ai 400-500 m. Sono attesi apporti nevosi tra 80 e 100 cm di neve nelle prossime 24 ore sulle zone montane, con valori localmente superiori dalle Alpi Graie alle Alpi Liguri. Sulle pianure del cuneese si avranno fino a 30-40 cm di neve. Allerta gialla per pioggia sul resto del Piemonte ad eccezione della zona dello Scrivia. La quota delle nevicate sarà in aumento nella giornata di domani fino ai 1000-1100 metri, ma le precipitazioni saranno ovunque intense nella mattinata sulle zone pedemontane tra torinese e verbano, mentre dalle ore pomeridiane linteresseranno maggiormente le zone pedemontane di Torinese e Cuneese.

La Protezione Civile regionale passa dalla fase operativa di attenzione alla fase operativa di preallerta, provvedendo all’apertura della sala operativa. Il Centro Funzionale Regionale continua a svolgere, per tutta la durata dell’evento, l’attività di previsione e monitoraggio dei fenomeni. La neve potrà causare disagi alla viabilità con locali interruzioni nella fornitura dei servizi sul settore sudoccidentale del Piemonte, in particolare nelle aree montane.

Nelle aree interessate dalle nevicate, si raccomanda di limitare gli spostamenti e di prestare la massima prudenza nella guida di autoveicoli. La pioggia nella giornata di domani potrà determinare locali allagamenti e un incremento dei livelli dei rii minori. Si invita a consultare con attenzione le indicazioni sui comportamenti di prevenzione e di autoprotezione www.regione.piemonte.it/protezionecivile/index.php/allertamento/cosa-fare-in-caso-di-allerta

I quantitativi di neve attesa determineranno un generale aumento del pericolo valanghe, che raggiungerà il grado 4 Forte ovunque nella giornata di domani. Si consiglia di seguire l’evoluzione degli eventi consultando gli aggiornamenti sui siti istituzionali www.regione.piemonte.it/protezionecivilewww.arpa.piemonte.it

Redazione

sardinia

snow

Weekend da brividi in Piemonte: maltempo e tanta neve anche a bassa quota

TORINO 25 FEB – Colpo di coda improvviso dell’inverno nel prossimo weekend. Il Piemonte sarà infatti investito da una forte perturbazione proveniente dal Nordatlantico, con piogge intense e nevicate, anche a quote collinari. Da sabato pomeriggio/sera il peggioramento più marcato su  Liguria, Piemonte ed Emilia occidentale con piogge intense e locali nubifragi lampo. Attenzione alla neve, che sarà molto abbondante sulle Alpi occidentali sopra i 400/700 metri. Il maltempo insisterà sulla regione per tutta la giornata di domenica, con un leggero rialzo della quota neve che si assesterà sull’arco alpino piemontese sopra i 700/800 metri.  Questa perturbazione dovrebbe in parte riequilibrare il deficit di accumuli nevosi che hanno caratterizzato la stagione invernale.

Redazione

sardinia

mont

Ancora neve in arrivo domani e poi foehn: alto il pericolo valanghe

TORINO 8 FEB – Febbraio conferma la sua fama di mese estremo: dopo la pioggia e la neve di ieri, oggi è tornato il sole su gran parte del Piemonte. Un miglioramento però solo temporaneo, perché a partire da stasera una nuova perturbazione colpirà la regione, portando nuovamente pioggia e nevicate oltre i 900 metri su tutto l’arco alpino. Da mercoledì invece sarà il vento a farla da padrone, con condizioni di foehn che faranno aumentare molto il pericolo valanghe.

Redazione

agricoltura

Siccità, l’allarme di Confagricoltura Asti: ‘A rischio colture in primavera’

ASTI 22 DIC – Confagricoltura Asti ha lanciato oggi l’allarme sulla perdurante siccità, che potrebbe protrarsi anche nei primi giorni del 2016. “Scarse precipitazioni e alte temperature – dice l’associazione degli agricolturi – stanno mettendo a rischio la crescita delle colture nelle campagne dell’Astigiano”.  “L’assenza di precipitazioni – si legge in una nota – rischia di condizionare drasticamente il livello di scorte idriche solitamente assicurato da piogge e nevi, fattori indispensabile per la crescita delle coltivazioni e il risveglio ottimale, in primavera, delle viti”. Confagricoltura definisce ”emblematico”  il livello del fiume Tanaro ad Asti.

Redazione

grandine

Da stasera torna l’incubo grandine sul Piemonte

TORINO 19 MAG – Ultime ore di sole sul Piemonte: già a partire dalle prossime ore la nostra regione sarà interessata dall’arrivo di una forte  perturbazione atlantica  che , anche per la giornata di domani, darà luogo a diffuse precipitazioni, a prevalente carattere temporalesco, che in molti casi potranno risultare di forte intensità con fulmini, forti raffiche di vento e grandine. Intanto nel cuneese il  forte vento ha scoperchiato poche ore fa un asilo:  in frazione Maddalene di Fossano (Cn)  i Vigili del Fuoco sono dovuti intervenire per mettere in sicurezza l’edificio. Senza problemi per fortuna l’evacuazione di  bambini e maestre.

Redazione

moncalieri

Voragine nel centro di Moncalieri, probabile causa la forte pioggia

TORINO 17 MAR – La pioggia incessante di questi giorni è la probabile causa della  voragine di circa due metri che nel tardo pomeriggio si è aperta nell’asfalto nel centro di Moncalieri, nei pressi del ponte nuovo sul fiume Po. Il cedimento non ha  fortunatamente coinvolto automobilisti, anche se ha causato molti disagi alla viabilità. La Polizia Municipale ha ora transennato l’area per evitare incidenti.

Redazione