hashish

Auto e garage imbottiti di droga, in manette marocchino a Torino

TORINO 24 OTT. –  Oltre 63 chilogrammi di droga. E’ quanto è stato sequestrato dagli agenti del Comm.to Madonna di Campagna all’interno di un box auto in un complesso residenziale di via Valdellatore. 125 cubi da 500 grammi e 9 panetti da 100 di hashish, nascosti abilmente in ogni nascondiglio utilizzabile di due auto. Dopo attività infoinvestigative, la Polizia ha localizzato il box utilizzato da un cittadino marocchino di 40 anni sospetto, visto uscire ed entrare dal complesso più volte al giorno. All’atto del controllo, l’uomo era  bordo di un’Audi, innanzi al box a lui in uso. Sia all’interno del garage che all’interno dell’Audi che stava utilizzando sono stati rinvenuti  panetti e cubi contenenti hashish. Il corriere era solito utilizzare ogni spazio vuoto utile delle due auto a lui in uso per nascondere lo stupefacente, come il vano destinato alla ruota di scorta, il portaoggetti sotto il sedile, una ruota di scorta, oltrechè il bagagliaio delle stesse. Inoltre, all’interno di un armadio sempre posto nel box sono stati trovati due borsoni di plastica  contenenti 18 cubi, avvolti singolarmente da nastro adesivo.  Rinvenuto anche vario materiale utile al confezionamento e allo stoccaggio dell’hashish.

Redazione

cinofili

Controlli di Polizia a San Salvario: 5 stranieri espulsi e rinvenuta droga

TORINO 12 LUG. – I controlli effettuati nei giorni scorsi in uno stabile di piazza Madama Cristina da parte delle Forze dell’Ordine ha portato all’espulsione di 5 stranieri non in regola con l’Ufficio immigrazione. L’operazione è stata condotta dal personale del Commissariato Barriera Nizza, insieme ad agenti dell’Ufficio Immigrazione, della Polizia Scientifica e del Reparto Prevenzione Crimine, in collaborazione con personale della Polizia Municipale hanno controllato.  Nel corso del controllo, 11 persone in totale sono state accompagnate presso gli uffici di Polizia e, a seguito di accertamenti, per altre cinque persone è scattata la denuncia per falsa attestazione dell’identità personale. Nel corso del controllo, le unità cinofile hanno rinvenuto sostanza stupefacente all’interno di alcuni mobili collocati sul balcone attiguo agli alloggi controllati.

Redazione

gdf

Droga in Val Susa, sgominata la banda del giovane ‘boss’ albanese

TORINO 5 APR – Dopo oltre 3 anni di indagini, si è conclusa con 17 arresti la maxi operazione della Guardia di Finanza nei confronti di una banda dedita al traffico di eroina e cocaina in Valle di Susa. A finire in manette albanesi, romeni, marocchini e italiani tra i venti e i trent’anni, accusati di fare parte di una ramificata organizzazione criminale dedita allo spaccio. Sequestrati oltre 40 conti correnti ed effettuate più di trenta perquisizioni.
In tutta la Valle sono state individuate panchine, tralicci e paletti dove veniva occultata la droga. A capo della banda l’albanese S.A., 29 anni.  L’uomo aveva in quasi tutti i maggiori centri della Valle una serie di “luogotenenti”, tutti arrestati, che si rifornivano da questi per poi provvedere al successivo spaccio. Le intercettazioni hanno permesso alle Fiamme gialle anche di scongiurare l’omicidio di una donna, ‘rea’ di avere lasciato il compagno dopo una breve relazione.

Redazione

cannabis

Coltiva ‘erba’ perchè disoccupato, valsusino rischa 20 anni di galera

VILLAR FOCCHIARDO (TO) 15 FEB – Disoccupato per la crisi, un elettricista di 52 anni ha pensato di darsi alla coltivazione della marijuana attraverso una grande serra nella sua abitazione. L’impresa, grazie alle sue conoscenze professionali, è stata quasi a costo zero, perchè è riuscito ad allacciarsi abusivamente alla rete elettrica conunale. L’uomo è stato però scoperto e arrestato dalla guardia di finanza di Torino. Nel corso dell’operazione sono state sequestrate 84 piante e 189 grammi di marijuana; alcuni grammi di cocaina, 938 grammi di sostanza da taglio; 1.910 semi di marijuana; contanti, 3 telefoni cellulari; 15 lampade alogene; 14 trasformatori di corrente; 1 ventilatore; 2 bilancini di precisione. La coltivazione di droga è stata scoperta a Villar Focchiardo, in Valle di Susa. L’uomo ora rischia fino a vent’anni di carcere.

Redazione

billy

Green Day a Torino, concerto ‘stupefacente’: 25 persone segnalate per droga

TORINO 11 GEN – Una quindicina di spinelli, oltre 25 grammi tra hashish, marijuana e cocaina sequestrati e 25 persone segnalate alla Prefettura quali assuntori di droghe. Un concerto per certi versi sicuramente ‘stupefacente’ quello di ieri sera Pala Alpitour di Torino della band americana Green Day.    Una quarantina di militari della Guardia di Finanza, con 7 unità cinofile addestrate per la ricerca delle sostanze stupefacenti, hanno filtrato il numeroso pubblico, perlopiù giovanile, dell’evento. Tanti i tentativi di disfarsi della droga alla vista dei finanzieri e numerosi anche gli espedienti utilizzati per occultarla: nei pacchetti di sigarette, nelle scarpe, in contenitori di metallo utilizzati di solito per le pastiglie.Nei confronti dei soggetti consumatori saranno avviati percorsi di recupero presso le apposite strutture della Prefettura.

Redazione

polizia

Droga, due africani in manette tra Porta Palzzo e corso Giulio

TORINO 10 GEN – Due arresti per spaccio nello stesso giorno e nello stesso quartiere. E’ accaduto a Porta Palazzo, durante un servizio di controllo, gli agenti del Commissariato Dora Vanchiglia: in piazza della Repubblica vicino al centro commerciale Palatino, gli agenti hanno fermato un pusher senegalese di 39 anni, notato mentre vendeva droga a un cliente. L’africano  è stato trovato in possesso di 227 dosi di eroina e cocaina e 220 euro in contanti, probabile provento dell’attività illecita. Sempre nello stesso quartiere, in corso Giulio Cesare all’angolo con via Porporati, gli agenti hanno invece fermato per un controllo un marocchino di 45 anni: l’immigrato aveva nascosto nelle tasche 50 grammi di hashish e 580 euro. Durante la perquisizione nella sua abitazione, poi, i poliziotti hanno rinvenuto 450 grammi di hashish divisa in panetti.

Redazione

whatsapp

Droga, anche a minorenni, via Whatsapp: arrestato extracomunitario in San Salvario

TORINO 9 GEN – Nonostante la giovane età, aveva organizzato un grosso giro di spaccio, accordandosi coi i clienti su Whatsapp per lo scambio di droga. Protagonista della vicenda un pusher extracomunitario di 20 anni, che è stato arrestato la sera dell’Epifania dai Carabinieri della Compagnia San Carlo: nel blitz sequestrate 40 dosi di droga tra cocaina, crack, eroina e hashish.
Lo straniero prendeva le ordinazioni via cellulare e lasciava le dosi in un luogo prestabilito con gli acquirenti, spesso minorenni, tra via Berthollet e via Saluzzo, nel quartiere di San Salvario.

Redazione

cannabis

E’ allarme ‘super canna’ a Torino, cannabis con più del doppio di Thc

TORINO 22 NOV – E’ allarme a Torino per una super droga, di gran lunga più potente rispetto al passato, che da alcuni mesi circola tra i fumatori di ‘canne’. Si tratta infatti di derivati dalla cannabis con una percentuale di Thc che in alcuni casi  addirittura doppia rispetto alla classica ‘erba’. Il dato è emerso delle ultime analisi  della Questura di Torino su gli ultimi sequestri di stupefacente.  “Chi si fuma una ‘canna’ oggi – afferma un funzionario interpellato dall’ANSA – è come se ne fumasse tre di vent’anni fa. Con tutte le conseguenze del caso”. La percentuale di Thc può arrivare sino al 12% in più, e, secondo gli esperti della Questura, nei cosiddetti ‘datteri’ di hashish (che sul mercato valgono circa 5mila euro al chilo) il valore potrebbe essere del 16%.

Redazione

ovuli

Spacciatore senegalese irregolare arrestato con 37 ovuli di droga

TORINO 15 NOV. – I continui controlli di Polizia del Commissariato “San Secondo” di intercettare hanno permesso agli agenti di arrestare uno spacciatore senegalese pregiudicato. L’uomo è stato visto cedere qualcosa, probabile una dose di droga, un istante prima prelevata dalla bocca, in cambio di qualcos’altro. Il 25 enne africano, appena ha notato gli operatori dirigersi verso di lui, si è messo in fuga. Durante la lunga corsa tra le vie del quadrilatero via Sacchi, Massena, Assietta, Gioberti e corso Stati Uniti , l’uomo, inseguito dagli agenti, ha cominciato a seminare decine di ovuli di sostanza stupefacente. 23 involucri sono stati recuperati in via Gioberti e 14 in via Massena, per un totale di 37 dosi di eroina e cocaina. Il soggetto, grazie anche all’intervento di altre pattuglie, è stato fermato in via Assietta. Nelle sue tasche sono stati trovati due telefoni cellulari e diverso denaro contante. Il senegalese, con svariati precedenti per spaccio, aveva già scontato la pena della reclusione di 1 anno e 9 mesi oltre ad aver provveduto al pagamento di una multa di 8800 euro.  L’uomo è stato arrestato per detenzione di sostanza stupefacente e denunciato per essersi trattenuto illegalmente sul territorio dello Stato.

Redazione

polizia

Preso un ‘pezzo grosso’ dello spaccio’ di Barriera di Milano: è un gabonese di 22 anni

TORINO 8 SET – E’ uno dei principali fornitori dei pusher di Barriera di Milano a Torino il gabonese di 22 anni finito in manette mentre usciva da un appartamento in via Stresa. Secondo gli investigatori, l’africano era uno dei riferimenti più importanti dei traffici di piazza Montanaro, passata alle cronache come la “piazza degli stupefacenti”. Gli agenti del commissariato di Barriera di Milano hanno perquisito il giovane e il suo appartamento. Nelle tasche aveva oltre 2200 euro, mentre in casa nascondeva oltre un chilo e seicento grammi tra cocaina ed eroina, tre bilancini di precisione e 12 confezioni di mannitolo, sostanza utilizzata per tagliere lo stupefacente. L’uomo è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio e resistenza a pubblico ufficiale.

Redazione