InaugurazioneR

Nuova ambulanza per la Cri Valle Stura, inaugurazione a Vinadio (CN)

CUNEO 8 nov.  La Croce Rossa Italiana Comitato Valle Stura inaugura sabato 11 novembre alle ore 15 presso il Revelin, all’interno del forte Albertino di Vinadio, una nuova ambulanza acquistata grazie al contributo della Fondazione CRT e da un lascito della Sig.ra Clementina Giverso in memoria del caro figlio Piero.
Sarà un momento molto importante per l’Associazione e per tutti i Volontari, permetterà di rinnovare il parco mezzi, andando a sostituire la vecchia ambulanza che ha garantito tredici anni di servizio con il nuovo mezzo 4×4 tecnologicamente avanzato e dotato di tutti gli strumenti utili per l’emergenza, permettendo di migliorare ulteriormente la qualità dei servizi svolti dai Volontari, garantendo un maggior conforto per i pazienti trasportati e soprattutto la possibilità di intervenire in luoghi accidentati ed impervi grazie alla dotazione di trazione integrale con quattro ruote motrici.
Importante sarà per la Croce Rossa condividere con tutta la popolazione, che è invitata calorosamente a partecipare, la giornata di festa perché è grazie alla gente comune che con piccoli e grandi gesti sostiene la Croce Rossa della Valle Stura e soprattutto nei momenti difficili non ha mai abbandonato, permettendo la continuità del servizio sul territorio.
Durante la cerimonia di inaugurazione don Beppe, amico e sostenitore da sempre della CRI, provvederà alla benedizione del mezzo. Seguirà rinfresco offerto dalle due panetterie di Vinadio.

Redazione

volante cc

In manette passeur marocchino a Vinadio (CN): inseguito e bloccato dai CC

CUNEO 09 MAR – Un uomo di origine marocchina, ma residente in Spagna,  è stato arrestato dai Carabinieri dopo un inseguimento nel centro di Vinadio (CN). con l’accusa di di favoreggiamento all’immigrazione clandestina. Il passeur stava trasportando in auto quattro marocchini verso la Francia, attraverso il Colle della Maddalena. I cinque sono stati bloccati dopo aver tentato anche la fuga a piedi nei boschi circostanti. I militari dell’Arma hanno sequestrato 700 euro in contanti e l’auto utilizzata per il trasporto. L’arrestato è stato condotto in carcere a Cuneo su disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Redazione

truccambmbi-allopera

Grande successo per il Corso per “Simulatori” e per “Truccatori” della CRI a Mondovì (CN)

21 NOV. MONDOVI’ (CN) – Il Comitato CRI di Mondovì ha ospitato, nel trascorso fine settimana di sabato 19 e domenica 20 novembre, un corso per “Simulatori” e un corso per “Truccatori”, cui hanno partecipato 25 volontari,  sia del Comitato monregalese, sia provenienti da altri della provincia di Cuneo, come del torinese, “preparati” da cinque istruttori. I “Truccatori” ed i “Simulatori” della Croce Rossa Italiana sono Volontari adeguatamente istruiti a specifiche tecniche di trucco e recitazione, volte a rendere quanto più reale possibile la simulazione di un evento, che produca traumi fisici sulla persona. Scopo della rappresentazione realistica di un incidente è quello di abituare tutti i soccorritori alla visione di particolari situazioni, evitando che in tali frangenti possano perdere il coraggio e la freddezza per affrontarle. “Truccatori” e “Simulatori” collaborano insieme nella preparazione della simulazione e nell’allestimento della scenografia e partecipano attivamente all’organizzazione e al coordinamento delle simulazioni per quanto di competenza. simulatori
Molteplici sono gli impieghi in cui possono essere utilizzati, sia per la formazione e verifica del personale formato (trucchi e/o simulazioni durante i corsi di formazione e durante la prova d’esame; gare di primo soccorso; esercitazioni di maxi emergenze e di protezione civile e verifica dei sistemi di sicurezza nelle aziende pre, post e durante i corsi di formazione), sia per la promozione delle attività  della CRI (soccorso qualificato e in emergenza; manifestazioni nelle campagne di informazione come educazione stradale, catena del soccorso, gesti salva vita, norme igieniche e di primo soccorso, pregiudizio e diversità). Il Gruppo “Simulatori” e “Truccatori” della Croce Rossa Italiana ha circa una ventina d’anni di vita ed ha accumulato una grandissima esperienza e professionalità. truccatori
I  corsi monregalesi sono stati seguiti da Giuseppe (Geppo) Bessone, che è riuscito a portarli a Mondovì, dopo anni che non ne venivano organizzati.
Commenta la Presidente del Comitato CRI di Mondovì, Viviana Beltrandi: «È importante ricordare che la CRI non è solo soccorso con le ambulanze, ma organizza diversi momenti di incontro per migliorare la preparazione dei propri Volontari, in settori diversi. Fra questi, particolare importanza rivestono quelli tenuti a Mondovì per “Simulatori” e “Truccatori”».
Redazione
camion nizza

Strage di Nizza, il Piemonte piange un’altra vittima: è Carla Gaveglio

TORINO19 LUG – Il Piemonte piange un’altra vittima della strage di Nizza: si tratta di Carla Gaveglio di Piasco (CN). Le autorità francesi hanno formalizzato l’avvenuto riconoscimento di ulteriori tre connazionali nel corso della notte: Maria Grazia Ascoli, Gianna Muset e Angelo D’Agostino. A questi nomi si aggiunge quello del novantenne milanese Mario Casati, che era stato riconosciuto ieri sera. “Le famiglie sono state informate e stanno ricevendo tutta la necessaria assistenza da parte del personale del nostro Consolato e dell’Unità di Crisi”, conclude la nota. “Sono in contatto con la Prefettura, è una brutta notizia…”. E’ il commento stringato di Roberto Fiore, sindaco di Piasco (Cn),  alla notizia del riconoscimento tra le vittime italiane della strage di Nizza di Carla Gaveglio.
Redazione
camion nizza

Strage di Nizza, coinvolta una coppia di Mondovì: lui gravissimo, la moglie dispersa

MONDOVÌ (CN) 15 LUG – E’ stato trovato dai familiari ricoverato in gravi condizioni  all’ospedale Pasteur di Nizza Andrea Avagnina, 53 anni, consigliere comunale di S.Michele di Mondovì (Cuneo). L’uomo è uno degli italiani coinvolti nella strage di Nizza che mancavano all’appello. Non si hanno purtroppo ancora notizie della moglie, Marinella Ravotti, 55 anni, dipendente dell’Asl. La coppia era in vacanza dall’inizio della settimana nella ‘capitale’ della Costa Azzurra, dove è proprietaria di una casa. La coppia gestisce una tabaccheria nel piccolo Comune del Monregalese.

Redazione

strip

Alba (CN), denunciato imprenditore di due ‘bordelli’: anche donne tra i clienti

CUNEO 06 LUG – Utilizzava un residence e un hotel nel centro di Alba come ‘bordelli’ : con questa accusa i Carabinieri hanno denunciato un imprenditore 60enne per esercizio e sfruttamento della prostituzione. L’attività illecita andava avanti, ad intervalli di tempo variabili, da almeno due anni. Oltre alle classiche ragazze dell’Est Europa, nelle strutture vi erano a disposizione anche ragazzi e uomini, che fornivano sesso a pagamento a clienti di sesso maschile e femminile in arrivo soprattutto da fuori città. L’imprenditore evitava di registrare chi alloggiava, garantendo così l’anonimato a clienti e prostitute. I controlli di Carabinieri e ispettori dell’Asl Cn2 hanno evidenziato evidenti violazioni alle norme igienico-sanitarie in materia di preparazione, conservazione e manipolazione di alimenti, omesse dichiarazioni di inizio attività, oltre a casi di evasione fiscale, in quanto non venivano registrati gli ospiti delle due strutture ricettive.

Redazione

volante cc

Scippato della collanina mentre spinge il passeggino del nipote:in manette due marocchini

CUNEO 30 MAG – Nonostante stesse spingendo il passeggino del suo nipotino, non hanno esitato a strappargli con violenza la catenina d’oro mentre. Vittima del furto un pensionato cuneese di 60 anni, che ha reagito moriscando la mano di uno degli aggressori ed è riuscito a farli arrestare. L’episodio è accaduto venerdì sera nel quartiere di Borgo Gesso a Cuneo. A finire in manette due pregiudicati marocchini di 19 e 18 anni, uno residente a Fossano e l’altro a Beinette. Grazie alla testimonianza della vittima, sono stati rintracciati poco dopo dai Carabinieri in un centro commerciale: ora si trovano in  carcere e dovranno rispondere del reato di rapina aggravata in concorso. Uno di loro aveva la mano ancora insanguinata per il morso del pensionato e in tasca la collanina rubata.

Redazione


Spazio elettorale a pagamento elezioni Comunali di Torino 2016piede

polizia

Ribassavano i km di auto usate, nei guai 74 concessionari tra Torino e Cuneo

CUNEO 22 APR – Usavano il vecchio trucco di ribassare i km di auto molto vecchie per poterle vendere a prezzi vantaggiosi. Per questo motivo 74 titolari di concessionarie, rivenditori e titolari di officine nel settore elettrauto ora dovranno rispondere dei  reati di truffa e frode commerciale . L’operazione, durata circa un anno e denominata Clean, è stata condotta dalla Polizia Stradale coinvolgendo le Procure di Cuneo, Asti e Torino, dove sono state individuati diversi concessionari. Sono state sequestrate più di 400 autovetture, altrettante carte di circolazione, numerosi congegni elettronici e software, il tutto collegato alla rivendita di auto usate con il chilometraggio ribassato.

Redazione

ambulanza

Cuneo, 86enne investita sulle strisce pedonali in corso Brunet

CUNEO 12 APR – Un’anziana è stata investita sulle strisce pedonali in corso Brunet a Cuneo. La donna, 86 anni, è caduta sbattendo la testa sull’asfalto: è stata ricoverata all’ospedale in codice rosso. Ha riportato un grave trauma cranico. L’incidente è avvenuto questa mattina intorno alle ore 9.

Redazione

cc 1

Ai domiciliari per pedopornografia, evade: ripreso dai CC di Savigliano (CN) dopo 48 ore

CUNEO 23 MAR – Ha provato la fuga dagli arresti domiciliari, ma è stato rintracciato e arrestato dopo soli due giorni. L’uomo è un 34 enne italiano, era  ospitato presso una comunità di Boves (CN) dove stava scontando una pena di sette anni e 4 mesi per pedopornografia, in regime di arresti domiciliari. Poco prima di allontanarsi, l’uomo si era fatto prestare un telefono cellulare da un altro ospite della comunità, con il quale aveva scaricato alcune immagini di minori da un sito web pornografico. Fortunatamente i Carabinieri di Savigliano lo hanno intercettato ed arrestato lungo la provinciale 662 nei pressi di Marene. Per l’evasione, il 34enne è stato condannato ad ulteriori 4 mesi di reclusione.

Redazione

sardinia