ovuli

Pusher della movida va a rinnovare il passaporto, ma lo arrestano

TORINO 23 MAG – Forse certo di farla franca, è andato a rinnovare il passaporto in questura ad Asti, ma è stato arrestato perché ricercato per spaccio di droga nella zona della movida di San Salvario a Torino. In manette è così  un senegalese di 50 anni, destinatario dell’ordine di cattura emesso dalla procura della Repubblica di Torino. L’immigrato è stato portato al carcere di Quarto d’Asti, dove dovrà scontare una pena detentiva di un anno e un mese.

Redazione

Foto Marina Militare

Asti, due migranti nigeriani arrestati per sequestro di persona

ASTI 13 DIC – Per protesta contro una presunta mancanza sulla ‘diaria’, due migranti nigeriani del centro di accoglienza di Costigliole d’Asti hanno pensato bene di rinchiudere in una stanza un dipendente della struttura, un giovane di 25 anni. I due nigeriani di 23 e 26 anni ora dovranno rispondere di sequestro di persona in concorso . Secondo i due stranieri la struttura non avrebbe loro elargito la corretta diaria, contestando un ammanco. Il ragazzo rinchiuso è riuscito a chiamare il 112 ed è stato liberato dopo 40 minuti dai Carabinieri. I due nigeriani sono stati ristretti presso le camere di sicurezza della caserma, in attesa della celebrazione del rito direttissimo.

Redazione

cc 1

Prostituzione in strada, multati 10 clienti ad Asti

ASTI 29 AGO – Dieci prostitute e altrettanti clienti sono stati multati sabato notte ad Asti dai Carabinieri. Si è trattato di un “servizio ad ampio raggio finalizzato a contrastare il fenomeno della prostituzione su strada nel capoluogo” spiegano dal Comando provinciale dell’Arma di Asti. Una decina di militari della Compagnia di Asti, insieme alla Polizia Municipale, ha condotto le verifiche sulle strade del capoluogo astigiano.

Redazione

Renzo Arbore-1

Asti Musica chiude in bellezza con Arbore. Il sindaco: ‘Bilancio molto positivo’

ASTI 21 LUG –  Le note di Reginella suonano e la gremitissima (circa 2000 persone) Piazza Cattedrale vibra di emozione. Solo l’inizio per un concerto di tre ore che ha divertito, emozionato, caricato. Uno splendido Renzo Arbore dall’alto dei suoi 79 anni portati con grande eleganza e ironia, supportato dalla sua storica Orchestra Italiana, ha incantato i momenti finali della 21 ^ edizione di Asti Musica. Ha ballato il pubblico festante con i grandi classici della musica napoletana e con i cavalli di battaglia del cantante foggiano con Napoli nel cuore. Cacao Meravigliao, ma la notte no, gli omaggi a Murolo, Carosone, Totò, non è mancato un fumoso accenno jazz con saluto a Paolo Conte. Ancora emozioni con i mandolini e Nessun dorma.Lascia molto spazio alla sua band, con grande rispetto e intelligenza. Sono bravi e lo meritano.Non manca l’ironia “Ieri sera, ha detto, sono andato in via Cavour e mi sono fermato a parlare. Mi hanno detto, anche qui, cose come: ma lo sa che lei fa più impressione da vivo?”. Gran finale con il pubblico tutto in piedi. Unico cuore, unico palco.

Ieri sera il festival (voluto da Comune e Asp con il supporto di Banca C.R. Asti, Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, Iren, AEC, Energrid, La Stampa) dopo quattordici concerti ha spento i riflettori con la finale di Asti Live Band Music Contest venti gruppi emergenti si sono sfidati sotto la regia dell’Associazione M.e.T.A.

Il concorso, promosso dalla Confartigianato per il 70° di fondazione, non si fermerà alla prima edizione e tornerà il prossimo anno.Ecco i vincitori.

Cover band junior: Free sound, Castagnole Lanze (premio in denaro). La formazione (Sanela Vasileva, Antonio Rondinelli, Andrea Bianco, Mario Bassino, Mattia Colombaro) è stata premiata da Massimo Cotto, direttore artistico di Astimusica

Cover band senior: Soul Power, Asti (premio in denaro). Ha consegnato la targa al gruppo (Andrea Caldi, Giulia Rossi, Beppe Peccheneda, Lucio Zaninotto, Franco Olivero, Roberto Bazzano, Mauro Tagliatti, Franco Bogliano, Daniele Pasciuta, Corrado Schialva, Giancarlo Bottino, Oscar Casavecchia) il presidente di Confartigianato Biagio Riccio.

Categoria inediti: The Swede, Asti (produzione discografica SB Record e realizzazione di un video clip professionale). A nome della giuria Gianluca Guzzetta ha premiato la band (Fabio Delcrè, Andrea Camerano, Matteo Grasso, Flavio Ritelli).

La serata, resa allegra dal comico e cabarettista Gianpiero Perone, è stata chiusa dal sindaco Fabrizio Brignolo. ‘Si chiude quindi questa ventunesima edizione con un bilancio molto positivo – dichiara il primo cittadino di Asti  – con Comune e Asp che già guardano all’edizione 2017. Circa 5000 gli spettatori paganti e il 7 settembre si recupera il concerto di Ezio Bosso. Molte idee in cantiere per l’edizione 2017.  Così il direttore artistico Massimo Cotto:”Occorre concentrare il programma su sole dieci serate, cinque grandi concerti a pagamento e altrettanti gratuiti.” Gli fa eco la presidente dell’Asp Giovanna Beccuti:  “Far crescere la manifestazione, disseminandola di eventi durante l’anno. Gli spettatori paganti, ha confermato il direttore organizzativo Gianluigi Porro, sono stati circa 5000 (di cui 2000 al concerto di Arbore e l’Orchestra Italiana), cui si aggiungono quelli ai concerti gratuiti.In 1200 hanno ascoltato Capossela, mentre per Rocco Hunt sono entrati in 600 e in 1000 hanno applaudito Al Bano. Poi ci sono i 600 spettatori che hanno tenuto i tagliandi per Ezio Bosso, che recupererà la serata persa a luglio il 7 settembre al Teatro Alfieri (in cinquanta hanno chiesto il rimborso)”.

Il sindaco Fabrizio Brignolo ha rimarcato che “sarebbe bello uscire da piazza Cattedrale, a fine concerto, e camminare in un centro storico senza auto per raggiungere gli altri luoghi di festa. Ne guadagnerebbero l’atmosfera e il piacere di sentirsi in una città più fruibile. Mettiamo anche questo – ha concluso tra gli impegni della prossima edizione”. Menzione speciale anche al concorso “Premio d’autore Città di Asti organizzato dall’associazione Elinor che, tra i ventisei artisti partecipanti ha incoronato Elisabetta Gagliardi con il brano “Una volta sola”. Sarà lei a volare a New York al Festival della canzone italiana.

B.M.

 

scap

Continua il successo di Asti Musica, stasera La Scapigliatura e Blindur

ASTI 11 LUG –  Dopo la performance di Rocco Hunt e la bravura degli scanzonati Stranivari, Asti musica propone per questa  sera il duo La Scapigliatura –  Blindur animare la bella Piazza Cattedrale. Domani sarà invece il momento del blues con Lurrie Bell e la sua band.Si inizia alle 21.30, ingresso libero.  Il nutrito cartellone, organizzato da Asp e Comune di Asti, per la direzione artistica di Massimo Cotto (supportato da Banca C.R. Asti, Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, Iren, AEC, Energrid, La Stampa) vede questa settimana in programma:

Mercoledì 13 l’attesa presenza di Al Bano, amato artista pugliese che a 16 anni pensò di emigrare a Milano, seguendo le orme di Domenico Modugno e che fu premiato nel 1967 con l’incredibile successo “Nel sole”(un milione e trecentomila copie vendute). Ventisei dischi d’oro e 8 di platino, concerti in tutto il mondo per il cantante, prestato anche al mondo del cinema.

Ore 21.30, la prevendita del biglietto (30 e 20 euro) è in corso (www.astimusica.info).

Giovedì 14: i vincitori di Area Sanremo 2016 Miele e Mahmood, apertura concerto: Inigo

Ore 21.30, ingresso libero

Venerdì 15: Francesco Gabbani, cantautore e polistrumentista toscano di facile ascolto, ma per nulla banale. E’ il vincitore del Festival di Sanremo 2016 fra le nuove proposte. Apertura concerto: Roberta Bonanno, cantante milanese, seconda classificata alla settima edizione di Amici.

Ore 21.30, ingresso libero

Sabato 16: Arriva Vinicio Capossela

Ironico, sentimentale, istrionico, il più dotato tra i cantautori italiani della sua generazione. Racconta di guitti e vicoli chiassosi, pagliacci e marajà, notti insonni e corvi torvi. Blues, Jazz, teatro, atmosfere circensi. Artista errante, Capossela ha fatto del randagismo quasi una filosofia di vita.

Appuntamento in piazza Cattedrale alle 21.30. Biglietti a 25 euro (prevenditawww.astimusica.info).

Domenica 17: Ermal Meta

Ore 21.30, ingresso libero

Per quest’artista albanese naturalizzato italiano la meta è stata già raggiunta come autore di canzoni (che si sono fatte ascoltare da milioni di persone attraverso le voci di Marco Mengoni, Francesco Renga, Emma Marrone, Annalisa Scarrone, Chiara Galiazzo, Patty Pravo, Clementino, Francesco Sarcina, Lorenzo Fragola, Fiorella Mannoia, Fedez) e di varie colonne sonore.

Apertura concerto: Carlo Bolacchi, un cantautore sardo, che affronta tematiche quotidiane legate al malcontento popolare e al sociale.

Info: www.astimusica.it

Redazione

I.S.O. Big Band (1)

Asti, questa sera concerto in piazza Cattedrale con big band astigiana I.S.O

ASTI 8 LUGLIO –  La  I.S.O. (Improbable Small Orchestra), big band astigiana nata quasi
per caso e diretta da Franco Bogliano, occuperà il palco di piazza Cattedrale reso vuoto dalla rinuncia di Ezio Bosso (che recupererà il concerto il 7 settembre al Teatro Alfieri). Inizieranno a suonare alle 22, dopo la cena aperitivo che il direttore artistico di Astimusica, Massimo Cotto, e gli organizzatori di Comune e Asp hanno pensato come festa di piazza, insieme al concerto, per tenere accesi i riflettori sull’ ecofestival delle note in attesa del concerto di domani con Rocco Hunt
A partire dalle 20,  si potrà scegliere tra antipasto misto, agnolotti al ragù o burro e salvia, gnocc.hi al pesto, hamburger e salsiccia, trota in carpione, roast
beef, formaggi misti con cugnà e miele, crostata di frutta. Si berrà con acqua e vini del territorio.
Poi il concerto a ingresso libero, il primo della rassegna sulla piazza del Duomo.
La formazione della I.S.O., costituita da musicisti di comprovata bravura provenienti da vari gruppi sarà la seguente: Giuseppe Peccheneda (batteria), Mauro Tagliatti “Galvao”(percussioni), MaurizioD’ Agostino (basso elettrico), Franco “Doc” Olivero (chitarra elettrica),Giorgio Rasero (pianoforte), Vito Guido D’Agostino, (sax baritono e presidente), Paolo Fasano,Oscar Casavecchia (sax tenore), Corrado Schialva, Paolo Bussa (sax alto), Davide Zoppi (tromba),
Guido Bezzo, Adriano Impera, Sergio Paolo Demartini, Pino Marino (tromba), Devid Ceste, Giampiero Malfatto, Gianfranco Marchesi, Giuseppe Forlano (trombone).
La voce di Giulia Rossi  e quella di Sal Belvedere daranno vita a omaggi alle voci e ai grandi del jazz per approdare agli arrangiamenti in chiave contemporanea. Non mancherà uno splendido riarrangiamento di “Volare”. www.astimusica.info.
B.M.
miele

Coldiretti Asti: ‘Per maltempo calo del 50% della produzione di miele’

ASTI 13 GIU – Coldiretti fa il conto dei gravi danni causati dal maltempo questa primavera sull’astigiano : un calo di produzione di miele  fino al 50% in alcune zone dell’Astigiano e danni ai vigneti.  “A causa delle continue precipitazioni,  – spiega Coldiretti Asti – le api sono state costrette a restare nelle arnie durante il periodo della fioritura primaverile”. “Purtroppo – sottolinea l’associazione dei coltivatori diretti – le piogge intense e le temperature altalenanti hanno seriamente disturbato il lavoro delle api, in parte è stata compromessa la fioritura e in parte anche la produzione di nettare”. Tra le più compromesse, la fioritura dell’acacia. “Se non ci sarà una inversione di tendenza nei prossimi mesi – ha fatto sapere il presidente di Coldiretti Asti Roberto Cabiale – il crollo delle produzioni rischia di aprire ulteriormente le porte alla diffusione di miele importato e di scarsa qualità”. A questo quadro fosco si aggiunge il violento nubifragio che si è abbattuto nel fine settimana nelle zone di Agliano, Vinchio e Calosso  ,che ha causato danni che hanno interessato i vigneti: appena terminata la fioritura, sono stati seriamente danneggiati i piccoli grappolini di uve Barbera e Moscato.

Redazione

strip

Chiuso night club a Cassinasco (AT) ritrovo di pregiudicati: è il 7° da inizio anno ad Asti

ASTI 9 GIU – Un altro locale chiuso nell’astigiano perchè frequentato abitualmente da pregiudicati. Questa volta è toccato chiudere serrenda ad un night club di Cassinasco (AT): l’esercizio, oltre ad essere frequentato da molti pregiudicati,  non aveva personale e licenza in regola. La chiusura è stata disposta dalla Questura in conseguenza alle indagini condotte dalla Guardia di Finanza.
Il titolare del locale è stato deferito all’autorità giudiziaria. Nel night, privo dei requisiti di sicurezza, lavoravano ‘figuranti di sala’ non in regola, che intrattenevano i clienti. Salgono così a sette, dall’inizio dell’anno, i locali pubblici di Asti chiusi con provvedimenti analoghi.

Redazione

polizia

Coppia di Asti arrestata per abusi sul figlio quando era minorenne

ASTI 4 GIU –  “Una storia di degrado e violenza”: è il commento laconico della  Questura di Asti sulla tremenda vicenda che ha portato all’arresto di marito e moglie, di 64 e 40 anni, ad Asti per violenza sessuale nei confronti del figlio. La coppia è stata  arrestata dalla squadra mobile di Asti in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso la Corte d’Appello di Torino. Secondo le indagini, avviate dalla squadra mobile di Torino una quindicina di anni fa, i due coniugi arrestati abusarono sessualmente del figlio, all’epoca dei fatti minorenne. Condannati in via definitiva, la coppia è stata arrestata nella loro abitazione, una casa “fatiscente e nell’incuria più totale”. L’uomo si trova ora in carcere di Quarto d’Asti, la donna a Torino.

Redazione

Foto Marina Militare

Migranti nigeriani protestano ad Asti per cibo e orari del centro accoglienza

ASTI 31 MAG – Una ventina di migranti nigeriani ha improvvisato un corteo ad  Asti, per lamentarsi del servizio d’accoglienza. La protesta si è concentrata  stamane sotto il palazzo della Prefettura. Sul posto sono intervenute una volante della Polizia, i Carabinieri e i Vigili urbani. Poco dopo il gruppo si è allontanato in modo pacifico e si e sciolto per le vie del centro. Ieri sera nella struttura di accoglienza gestita da una cooperativa sociale all’interno del seminario di Asti c’era stata una protesta da parte degli ospiti su cibo e orari. Anche in quel caso è intervenuta una volante della Polizia.

Redazione


Spazio elettorale a pagamento elezioni Comunali di Torino 2016piede