Coldiretti: ”La siccità mette a rischio il ‘Made in Piemonte’.”

TORINO 1 FEB – La perdurante siccità sta mettendo a rischio alcune colture in Piemonte. Lo denuncia Coldiretti Piemonte, per bocca del suo presidente Delia Revelli. “Gli ortaggi invernali – dice la leader regionale dei coltivatori diretti  – sono già in sofferenza e nei prossimi mesi servirà disponibilità idrica per il mais e la soia”. Si teme ora per un ritorno improvviso del freddo, dopo il caldo anomalo di questo inverno che ha portato molte piante già a gemmare e quindi ad essere più vulnerabili alle basse temperature. “Gli effetti dei cambiamenti climatici – aggiunge il direttore di Coldiretti Piemonte Antonio De Concilio – impongono di badare, più che mai, al risparmio energetico e di mettere in campo interventi strutturali come previsto dal Psr (Piano di Sviluppo Rurale) del Piemonte e del Piano Irriguo Nazionale, richiesto dall’Anbi (Associazione nazionale consorzi gestione tutela territorio ed acque irrigue.”

Redazione