cc 1

Prostituzione in strada, multati 10 clienti ad Asti

ASTI 29 AGO – Dieci prostitute e altrettanti clienti sono stati multati sabato notte ad Asti dai Carabinieri. Si è trattato di un “servizio ad ampio raggio finalizzato a contrastare il fenomeno della prostituzione su strada nel capoluogo” spiegano dal Comando provinciale dell’Arma di Asti. Una decina di militari della Compagnia di Asti, insieme alla Polizia Municipale, ha condotto le verifiche sulle strade del capoluogo astigiano.

Redazione

fibra

Truffa informatica da 17 mila euro, i CC di Casale smascherano il ladro romeno

CASALE MONFERRATO (AL) 29 AGO – Grazie ad un un’ingegnosa truffa informatica un romeno di 35 anni, residente a Roma, era riuscito ad intascare indebitamente 17 mila euro, ma è stato scoperto e denunciato dai Carabinieri di Casale Monferrato (AL). Lo straniero era riuscito a impossessarsi di dati sensibili di una ditta con sede a Modugno(Foggia) e in rapporti d’ affari con una società di Casale: comunicando a quest’ultima un nuovo codice bancario per gli accrediti, il truffatore è riuscito a farsi girare i 17.000 euro. Immediata la segnalazione della ditta creditrice non vedendosi arrivare il denaro.

Redazione

bilancia

”L’obesità può far danni dai primi anni di vita”. Lo afferma la Società Europea di Cardiologia

TORINO  28 AGO – Già nei primi anni di vita l’obesità può creare danni all’organismo. E’ quanto sostiene uno studio italiano presentato al congresso della Società Europea di Cardiologia (Esc) in corso a Roma. Nei bambini di due anni l’obesità lascerebbe infatti segni sul cuore, con un accumulo di grasso che rischia di comprometterne le funzioni negli anni successivi.
Lo studio è stato condotto dagli specialisti dell’ospedale Bambin Gesù di Roma insieme all’università di Tor Vergata, alla Sapienza e alla Federazione Italiana di Medici Pediatri, e sono stati arruolati oltre 5700 bambini sani di età compresa tra 2 e 6 anni selezionati tra quelli il cui indice di massa corporea era transitato da normale a sovrappeso o obeso nei precedenti 12 mesi. Gli obesi avevano una più alta massa del ventricolo sinistro rispetto ai pari sovrappeso, oltre ad un valore più alto nel diametro di eiezione ventricolare sinistro. Sempre nei bambini obesi sono stati riscontrati valori più alti di grasso intorno all’epicardio rispetto agli altri.
Un altro studio presentato al congresso ha riscontrato in oltre 10 mila bambini e ragazzi dai 3 ai 18 anni gli stessi fattori di rischio, dall’ipertensione al colesterolo alto, che definiscono il rischio cardiovascolare negli adulti. Nel recente congresso dell’American Heart Association è stato sottolineato come l’obesità infantile sia aumentata del 300% negli ultimi 30 anni.  Una ricerca ha sottoposto ad imaging cardiaco 20 bambini obesi e 20 sani di età medi di 8 anni mostrando un aumento del 27% della massa del ventricolo sinistro ed un inspessimento del miocardio nel 12% degli obesi. Queste condizioni costituiscono un forte rischio di sviluppo di patologie cardiache nell’età adulta.

Redazione

valentino

Blitz antidroga al Valentino, ivoriano nasconde hashish nelle mutande

TORINO 5 AGO – Per cercare di sfuggire al blitz della  Polizia nel parco torinese del Valentino un ivoriano di 20 anni ha provato a nascondere 8 grammi di hashish negli slip: gli agenti lo hanno scoperto e denunciato. Durante l’operazione di controllo straordinario del parco gli agenti hanno sequestrato oltre duecento grammi di droga, tra marijuana e hashish,anche grazie all’ausilio di unità cinofile. L’operazione ha consentito di identificare 35 persone, 25 delle quali extracomunitarie. Sei di queste, di varia nazionalità, sono stati accompagnati all’ufficio immigrazione e due sono state espulse al termine degli accertamenti.

Redazione

Valigie

Valigie ‘al forno’ contro la temuta cimice dei letti

TORINO 5 AGO – Con il periodo estivo e le relative vacanze le nostre valigie sono maggiormente esposte al rischio di diventare veicolo di pericolosi insetti. Uno di questi, forse il più temuto, è la cimice dei letti, un insetto che dagli alberghi può facilmente trasferirsi nelle nostre case. Una ricercatrice californiana ha però trovato una soluzione al problema, dimostrando che un’esposizione del bagaglio a una temperatura di 70-75 gradi per alcuni minuti può debellare eventuali cimici annidiate in superficie.  Tutti gli insetti sono morti in 6 minuti, si legge Lo studio, illustrato su Pest Management Science, ha dimostrato che dopo circa 6 minuti tutti gli insetti sono morti, anche quelli che si erano nascosti nelle pieghe del bagaglio. Ovviamente occorre prestare attenzione a cosa si mette dentro il forno: alcuni dei più moderni trolley/valigia in materiale plastico, infatti, oltre ad essere quasi invulnerabili dagli attacchi degli insetti, non possono essere sottoposti a temperature così alte.
Le cimici dei letti sono piccoli insetti che si nutrono di sangue (ematofagi) e tendono a vivere nelle stanze da letto e a pungere le persone nel corso della notte. Le punture non sono pericolose ma provocano arrossamenti cutanei e prurito. Più che altro sono insetti capaci di diffondersi molto velocemente e necessitano di interventi professionali per essere eliminati.

Redazione

lupo

Coldiretti contro il lupo: ”Provoca ingenti danni all’agricoltura di montagna”

PINEROLO (TO) 4 AGO – Partirà l’8 agosto dalla Val Pellice la campagna nazionale della Coldiretti per sensibilizzare azioni di contenimento del lupo. Ormai molto diffuso su tutto l’arco Alpino, per il sindacato degli agricoltori l’animale sta provocando danni ingenti, soprattutto al comparto agricolo montano. L’iniziativa piemontese è la prima di una mobilitazione che vedrà altre manifestazioni nazionali sul rapporto agricoltura-animali selvatici che, secondo Coldiretti, soltanto nel 2015 ha provocato danni per oltre 100 milioni di euro.

Redazione

polizia

Torna dalla moschea e bastona la moglie, marocchino arrestato in Barriera di Milano (TO)

TORINO 4 AGO – Torna dalla moschea e trova la moglie in compagnia di alcune amiche e non del figlio quindicenne, come avveniva di solito: questo è bastato per far scoppiare la violenza dell’uomo, che la mattina seguente, ha svegliato la donna bastonate. L’ennesima aggressione ha però spinto Amina, marocchina di 30 anni, a dire basta finalmente basta ad anni di violenze e soprusi e a denunciare le aggressioni alla polizia. Questa storia di coraggio e ribellione alla violenza ha come sfondo il quartiere popolare di Barriera di Milano a Torino, dove gli agenti del commissariato hanno arrestato l’uomo e affidato la donna e i suoi tre figli alle cure dell’associazione Rete Daphne, che dal 2008 ha accolto e sostenuto quasi 1.500 vittime di violenza. “Speriamo che la storia di Amina serva a incoraggiare le donne che subiscono maltrattamenti ad avere fiducia nelle forze dell’ordine e delle istituzioni”, è l’auspicio della Questura di Torino, che ha salvato la donna da quel marito, già denunciato in passato e poi perdonato perché aveva assicurato di essere cambiato. Una promessa mai mantenuta perché, subito dopo, i soprusi erano ricominciati.

Redazione

prigione

Carcere de ‘Le Vallette’, marocchino tenta sfregio ad agente

TORINO 3 AGO – Questa mattina nel padiglione B del carcere de ‘Le Vallette’ un marocchino di 27 anni, detenuto per reati legati allo spaccio di stupefacenti, ha tentato di sfregiare con una lametta un agente che si era rifiutato di fornirgli del tabacco. Il detenuto, che si rifiutava di rientrare in cella, deve ora rispondere dei reati di minaccia e violenza a pubblico ufficiale e lesioni aggravate. Lo rende noto l’Osapp, organizzazione sindacale autonoma di polizia penitenziaria. “Sono circa tremila le aggressioni e le lesioni subite da appartenenti alla polizia penitenziaria nelle carceri italiane dall’inizio dell’anno – commenta il segretario generale dell’Osapp Leo Beneduci. Si tratta di una condizione di assoluta drammaticità, eppure l’amministrazione penitenziaria centrale continua ad essere totalmente assente nei confronti dei 40mila donne e uomini in uniforme negli Istituti di pena italiani. E il ministro Andrea Orlando, continua a dimostrare di curarsi esclusivamente dei detenuti e non del personale che nelle carceri opera e rischia ogni giorno.”

Redazione

volotea

Volotea conferma rotte su Cagliari e Palermo anche per l’inverno

TORINO 3 AGO – La compagnia aerea spagnola  low-cost Volotea conferma anche per il prossimo inverno le sue rotte da Torino Caselle: nei prossimi mesi continuerà ad essere possibile decollare dal capoluogo piemontese alla volta di Palermo e Cagliari. “Sono già disponibili circa 27mila biglietti – annuncia la commercial country manager Volotea Italia Valeria Rebasti  – per soddisfare le esigenze di viaggio dei nostri passeggeri e consentire loro di organizzarsi al meglio prenotando per tempo e risparmiando denaro”. “I risultati ottenuti negli ultimi mesi sono davvero molto incoraggianti – chiosa Rebasti – e i collegamenti proposti hanno riscontrato un ottimo tasso di gradimento da parte dei passeggeri piemontesi. Siamo quindi felici di riconfermare anche per il prossimo inverno i nostri cavalli di battaglia verso Sardegna e Sicilia, offrendo collegamenti sempre diretti e con tariffe concorrenziali.”

Redazione