lago maggiore

Giovane 24 enne ritrovato morto su una spiaggia del Lago Maggiore con un buco nel petto

VERBANIA 31 AGO – Si tinge di giallo il ritrovamento di questa mattina sul Lago Maggiore, sul lungolago di Suna (VB) , del cadavere di un giovane di 24 anni: il corpo presenta un buco sul petto e sul luogo del ritrovamento sono stati rivenuti i resti di petardi esplosi. Il corpo senza vita del giovane è stato visto da un camionista di passaggio. Sul posto ci sono 118, carabinieri e vigili del fuoco. Sulle cause del decesso non c’è ancora alcuna ipotesi sicura. Gli inquirenti comunque escludono che la causa della morte possa essere riconducibile alla deflagrazione di un petardo scoppiato a bruciapelo. Qualcosa in più su questa misteriosa morte si saprà dopo dire i rilievi del medico legale e della squadra scientifica di carabinieri di Verbania.

Redazione

sala

‘Miracolo’ al ‘Sant’Anna’ di Torino: neonata prematura salvata da tumore rarissimo

TORINO 7 AGO – ‘Miracolo’ all’ospedale Sant’Anna di Torino: una neonata prematura con un rarissimo teratoma cistico, una ‘sciarpa’ di carne che le avvolgeva il collo e le avrebbe impedito di respirare, è stata salvata grazie ad un difficile intervento nel vicino ‘Regina Margherita’. La mamma è stata fatta partorire con cesareo alla 31/esima settimana ed il feto è stato lasciato attaccato al cordone ombelicale: in questo modo è stato possibile procedere con l’asportazione della massa maligna grande due volte le dimensioni della testa della piccola. Il teratoma cistico ha una incidenza rarissima, un caso ogni 40 mila nati. Si tratta del primo caso al Sant’Anna di Torino, l’ospedale ostetrico ginecologico più grande del Paese, con più di 7 mila nati ogni anno. Grazie alla tecnica Exit – Ex Utero Intrapartum Treatment -, i medici hanno asportato dalla neonata una massa di carne di circa 300 grammi, un terzo del peso complessivo della neonata, che si era sviluppata dal mento allo sterno in altezza e da un orecchio all’altro in larghezza. L’operazione è stata eseguita con successo all’ospedale infantile Regina Margherita da una equipe multidisciplinare composta da ostetrici-ginecologi, neonatologi, anestesisti, rianimatori, chirurghi otorinolaringoiatri e generali. La bimba è ora ricoverata in buone condizioni presso la terapia intensiva neonatale dell’ospedale Sant’Anna.

Redazione

fermi pioppi

Collegno, tagliati tutti i pioppi del parcheggio metro Fermi. Ma resta il degrado…

COLLEGNO (TO) 6 AGO – Tabula rasa, è  questa la  triste sorte toccata alle giovani piante di pioppo cresciute spontaneamente nel parcheggio sterrato del capolinea metro Fermi a Collegno: qualche giorno fa, infatti,  sono state tutte brutalmente eliminate. Quella che poteva essere un’opportunità di recupero in senso ecologico di un’area frequentata ogni giorno da migliaia di pendolari, è stata quindi gettata via senza tanti complimenti. Poco chiari i motivi di questa decisione, vista anche la rozzezza dell’intervento effettuato: le piante sono state sommariamente tagliate alla base e non sradicate (quindi il prossimo anno si dovrà di nuovo intervenire); le piante tagliate non sono state correttamente smaltite, ma semplicemente buttate nei rovi circostanti, in perfetta sintonia col degrado che da anni caratterizza l’area.  La cura delle giovani piante di pioppo avrebbe invece consentito, a costo praticamente zero, una parziale naturalizzazione della zona, la creazione di ampie zone d’ombra per le auto e avrebbe contribuito al drenaggio delle piogge, su un suolo che oggi è fortemente soggetto ad allagamenti.

Redazione

bus

Algerino senza biglietto colpisce al volto donna controllore su bus nel centro di Torino

TORINO 5 AGO – Ennesima aggressione da parte di stranieri sui mezzi pubblici. Un controllore donna è stata picchiata oggi a Torino, su un bus della linea 18, da un algerino di 27 anni senza biglietto. . L’aggressione è avvenuta quando il mezzo si trovava in pieno centro, in via Madama Cristina. Dopo aver colpito la donna in pieno volto con un pugno, l’africano è fuggito, ma è stato bloccato da due colleghi della donna aggredita e dalla polizia.

Redazione

volante cc

Lanzo (TO), rapina in villa: legano 62enne e le rompono una costola

TORINO 5 AGO – Ennesima brutale rapina in villa in provincia di Torino: questa notte una donna di 62 anni è stata picchiata, legata e imbavagliata nella sua villetta di Lanzo da tre banditi che sono poi fuggiti con soldi e gioielli per diverse migliaia di euro.  La vittima, trasportata in ospedale, ha riportato la frattura di una costola. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri, che stanno cercando di rintracciare i tre balordi.

Redazione

Toro logo

I migranti della Val d’Aosta hanno incontrato oggi il Torino Calcio

AOSTA 4 AGO – Ventiquattro dei 50 migranti arrivati in Valle d’Aosta il 30 luglio scorso, dopo essere sbarcati in Sicilia, hanno incontrato oggi a Chatillon il Torino Football Club.  Ospitati dalla cooperativa Leone Rosso, i migranti provenienti da Ghana e Nigeria hanno seguito l’allenamento dei granata in ritiro estivo nella cittadina valdostana.  Nell’incontro con la squadra, i migranti del Ghana si sono intrattenuti particolarmente con Afriyie Acquah, centrocampista della nazionale ghanese.

Redazione

volante cc

Piossasco, butta a terra 80enne per scippo, ma è subito bloccato

TORINO 4 AGO – Ha tentato di scippare il portafogli ad un ottantenne col  bastone, buttandolo per terra, ma inseguito da due passanti e poi bloccato dai Carabinieri. Protagonista dell’ignobile gesto un  italiano di 32 anni.  L’anziano è stato soccorso da un’ambulanza del 118 ed ha riportato lievi ferite per la caduta.

Redazione

cc

Punta il coltello alla gola del figlio, CC arrestano padre-padrone a Chivasso (TO)

CHIVASSO (TO) 4 AGO –  Era solito aggredire sia a parole che  fisicamente moglie e figli, per questo motivo i Carabinieri hanno arrestato un 67enne di Chivasso. L’uomo dovrà inoltre rispondere di detenzione e omessa denuncia di armi. L’intervento dei militari dell’Arma è scattato dopo una richiesta di soccorso da parte della moglie: nel corso dell’ennesima lite, l’uomo ha puntato alla gola del figlio un coltello. I Carabinieri hanno ritirato cautelativamente il porto d’armi dell’accusato e sequestrato una serie di fucili, oltre a 3,6 Kg di polvere da sparo.

Redazione

volante cc

Picchia il capotreno del Fossano-Torino, è caccia all’extracomunitario violento

TORINO 4 AGO – Voleva che il treno regionale 4747 Fossano-Torino Stura proseguisse la sua corsa fino a Chivasso e per questo motivo ha picchiato brutalmente il capotreno. Protagonista della folle vicenda un extracomunitario, ora in fuga nella zona della stazione Torino Stura. L’aggressore, ricercato da ieri sera dai Carabinieri, si è accanito con particolare  violenza nei confronti del capotreno: prima gli ha fatto sbattere la testa contro un pilastro, poi, quando era già a terra, lo ha preso a calci e pugni:  solo l’intervento del macchinista ha evitato il peggio. Trasportato all’ospedale San Giovanni Bosco, il malcapitato ha riportato un trauma cranico e facciale guaribile in una settimana.

Redazione