polizia

Tre sedicenni accusati di tentato omicidio per il pestaggio dell’8 marzo. Il capobanda italomarocchino era già in galera

TORINO 29 MAG – Appassionato di kickbox e con un debole per le rapine. E’ questo l’identikit del sedicenne italo-marocchino arrestato dalla Polizia di Torino, insieme a due complici coetanei, per il grave pestaggio dello scorso 8 marzo ad una fermata del bus a Torino, quando due ragazzini vennero derubati e poi malmenati, tanto da dover subire diversi interventi al volto. Le accuse contro i tre baby delinquenti per quel fatto sono pesanti:  tentato omicidio, rapina e lesioni gravissime i reati contestati. Le indagini della Polizia hanno consentito di attribuire ai tre minorenni anche altre tre rapine. Il capobanda di origine marocchine, nel frattempo, era già finito in carcere per aver rapinato una donna a Porta Palazzo. Nel corso della perquisizione delle abitazioni dei tre arrestati la polizia ha trovato altra refurtiva, probabile provento di altre rapine.

Redazione

expo

Tegola su Expo, indagata per evasione fiscale la Presidente Bracco

TORINO 29 MAG – La presidente di Expo 2015 Spa Diana Bracco è indagata per evasione fiscale e appropriazione indebita in qualità di presidente del cda della Bracco spa (settore farmaceutico e salute n.d.r). L’indagine è stata chiusa ed è stato effettuato un sequestro da circa 1 mln di euro. L’ipotesi è che le fatture false siano servite in relazione a lavori su case private e barche. Dopo gli scandali dei mesi passati, si  tratta senz’altro di un duro colpo all’immagine di Expo e al sistema Italia nel suo complesso.

Redazione

banconote

Denunciati 2 albanesi: hanno sottratto all’Inps 70 mila euro

VERCELLI 27 MAG – Due coniugi albanesi hanno percepito  70 mila euro di assegni sociali dall’Inps, anche se hanno praticamente sempre vissuto nel Paese di origine.I truffatori sono stati scoperti e denunciati dalla Guardia di Finanza. I due avevano ottenuto la residenza in Italia grazie ai permessi di soggiorno rilasciati per il ricongiungimento familiare con il figlio trasferitosi nel Vercellese. In verita’ i coniugi hanno sempre vissuto in Albania, facendo soltanto qualche sporadica visita in Italia. 

Redazione.‎

cc

In manette 4 ladri di carburante tra Rivoli e Collegno

TORINO 25 MAG – Sono scattate le manette ai polsi di quattro persone accusate di aver rubato carburante in diversi episodi nei giorni scorsi. L’operazione e’ stata condotta dal comando provinciale dei Carabinieri di Torino in due distinte operazioni. A Rivoli sono stati sorpresi due italiani, padre di 58 anni e figlio di 25, mentre caricavano tre taniche con circa 40 litri di benzina appena rubati a tre autovetture parcheggiate in strada. A Collegno sono stati bloccati invece due romeni di 24 e 25 anni che avevano appena rubato 50 litri di gasolio da una spazzatrice di proprietà di una cooperativa di servizi.

Redazione

polizia

Mega sequestro di droga nell’alessandrino: 3 stranieri in manette per 180 kg di hashish

ALESSANDRIA 21 MAG – Mega sequestro di droga nell’alessandrino, a Borghetto Borbera, dove  le squadre mobili di Reggio Emilia e Alessandria hanno arrestato 3 persone straniere e confiscato oltre 180 chili di hashish. Le indagini hanno consentito di bloccare la droga, suddivisa in sei cartoni da 30 chili ciascuno, all’interno di un autoarticolato con targa spagnola, parcheggiato nei pressi del cimitero comunale. Qui, secondo gli inquirenti, sarebbe dovuto avvenire  un ingentissimo scambio di stupefacente organizzato da un sospetto narcotrafficante internazionale di origine magrebina domiciliato nel paese. I poliziotti hanno notato l’autoarticolato con targa spagnola parcheggiato nei pressi del cimitero e hanno deciso di tenerlo sotto controllo. In tarda serata un’autovettura, condotta da un magrebino, si è avvicinata al camion: ne sono scesi due uomini. I tre si sono diretti verso il mezzo pesante e lì sono stati bloccati dalle forze dell’ordine.  In manette sono finiti gli  spagnoli Vincent Roig Bort (49 anni) e Marcos Antonio Josè Alonso ( 65 anni) ed il marocchino Omar Adimy ( 36 anni), domiciliato a Borghetto. Il camion è ora sottoposto a sequestro e sono in corso accertamenti su proprietà e provenienza.

Redazione

cc

Rapinarono giovane con pugno in faccia, denunciati 2 marocchini

TORINO 20 MAG – Avevano rapinato di cellulare e portafoglio  un ragazzo il 6 maggio scorso a Torino, colpendolo con un pugno in faccia. Per questa vicenda due marocchini di 21 e 37 anni sono stati rintracciati, identificati dalla vittima e denunciati per rapina. Potrebbero appartenere ad una banda dedita alle rapine per strada.

Redazione

Foto Marina Militare

Non sono profughi, ma un sindaco del biellese si oppone al rimpatrio.

BIELLA 20 MAG – Non sono profughi e devono perciò essere rimpatriati, ma il sindaco di  Pettinengo (BI) Ermanno Masserano non ci sta e chiede aiuto alla senatrice biellese del Pd Nicoletta Favero affinché interceda presso il ministro dell’Intero Angelino Alfano per farli rimanere in Italia. La surreale vicenda ha come  scenario la  provincia di Biella e un paesino di 1500 anime, nel quale  16 giovani provenienti dal Mali sono da un anno ospiti dell’associazione Pacefuturo Onlus. Dopo il rifiuto alla loro richiesta di protezione internazionale sia dalla Commissione territoriale competente, sia dal Tribunale di Torino, nelle prossime settimane i 16 maliani immigrati dovranno lasciare l’Italia, a meno che la politica non decida diversamente.

Redazione

gtt

Il Comune di Torino allarga le aree a pagamento, 14 mila posti ‘blu’ in più

TORINO 19 MAG – Aumentano le ‘tanto amate’ strisce blu a Torino. La giunta comunale ha definito un’estensione delle aree a pagamento  che riguarda 5 circoscrizioni, per un totale di 14 mila stalli. La tariffa oraria sarà di 1 euro dalle 8 alle 19,30, con termine anticipato alle 18,30 nelle zone limitrofe agli ospedali. Ci saranno abbonamenti, a partire da quello giornaliero, a 7 euro. La giunta ha deliberato la sospensione della sosta a pagamento dal 10 al 22 agosto e delle limitazioni della Ztl ordinaria dal 10 al 21. La novità, che riguarda le 4 aree D3, C5, E2 e B3,  arriva “per favorire una maggiore rotazione della sosta – spiegano dal Comune di Torino  – e favorire l’interscambio con i mezzi pubblici”. La prima area è delimitata da corso Trapani/Lecce, via Nicola Fabrizi, i corsi Tassoni e Ferrucci e via Frejus (5-600 nuovi posti); la seconda dai corsi Vittorio Emanuele II, Ferrucci, Mediterraneo, Lione, Rosselli e Castelfidardo (1.789 stalli); la terza da corso Regina Margherita, corso Tortona e lungo Dora Siena (1.600) e la quarta dai corsi Caduti sul Lavoro Unità d’Italia, Dogliotti, Bramante e dall’asse di via Nizza con un’appendice oltre il Po tra corso Sicilia, viale Dogali e corso Moncalieri (4.000 nuovi stalli).

Redazione

chiamparino

Sulle tasse Renzi scarica il barile a Chiamparino: ‘Chi ha aumentato le addizionali spieghi il perchè’

ROMA 19 MAG – “In Lazio, Piemonte, Liguria, Abruzzo hanno portato l’addizionale al livello massimo, loro volevano alzare il tasso dell’addizionale ma noi abbiamo messo una forchetta. I singoli spieghino perché aumentano le addizionali: i comuni devono essere messi in condizioni di spiegare le tasse e noi abbiamo creato il sito Soldipubblici.it”. Così Matteo Renzi a Porta a Porta, parlando delle tasse locali, attacca ancora una volta il Presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino, ‘scaricando’ su di lui la colpa dell’aumento delle tasse.

Redazione

Farinetti

Farinetti ”inciampa” ancora tra i suoi scaffali: olio scaduto da 6 mesi all’Eataly di Genova

TORINO 19 MAG – Olio e birra scaduti in vendita sugli scaffali di Eataly a Genova. A scoprirli un cronista genovese del “Fatto Quotidiano”, che lo ha raccontato in un articolo uscito sull’edizione di oggi. Su 6 bottiglie d’olio pugliese d’agricoltura biologica scovate dal giornalista, l’etichetta riportava: “Da consumarsi preferibilmente entro il 28 novembre 2014”. Poco prima di Natale un caso analogo si era verificato a Bari, dove un altro olio pugliese è stato venduto anche se scaduto da una decina di giorni. La replica del responsabile Sviluppo Italia di Eataly Michela Quaranta è perentoria : “Non riusciamo proprio a capire come possa essere successo, adottiamo un controllo maniacale sui nostri prodotti, al momento in cui arrivano in magazzino. Vigileremo ancora più attentamente.”

Redazione